Proverbi friulani: detti e modi di dire



Selezione di proverbi friulani, detti e modi di dire più usati in Friuli, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

proverbi friulani

Modi di dire friulani

– La femine a ten su tre cjantons de cjase o a ju sdrume duc’ quatri! (La donna sorregge tre angoli di casa o li demolisce tutti e quattro)

– Ancje il diaul al ‘ere un àgnul tal imprin. (Anche il diavolo all’inizio era un angelo)

– Ancje il mus si disgose a fa un cjant a la morose! (Anche l’asino si sgola per fare un canto alla sua fidanzata)

– Une biele femine ‘e jè il paradîs dai voi, l’infiâr da l’anime e il purgatori dal tacuin. (Una bella donna è il paradiso degli occhi, l’inferno dell’anima e il purgatorio del portafogli.

– Quant ch’e ciape fuc la ciase, no bisugne scialdarsi. (Quando la casa piglia fuoco non è il momento di scaldarsi)

– Cul mangia si vif, cul dizuna si va in paradîs. (Col mangiare si vive, col digiuno si va in paradiso)

– El loto sta nei brass. (Il lotto sta nelle braccia, ovvero la fortuna è nel lavorare)

– Cui ch’al nol crot ai Sants, ch’al crodi ai meracui. (Chi non crede ai Santi, creda almeno ai miracoli)

– Si po’ perdona, ma no dismentea! (Si può perdonare, ma non dimenticare)

– Il vin al dà fuarce ae lenghe e la cjol aes gjambis. (Il vino da forza alla lingua e la toglie alle gambe)


– Cuant che la polente e je pizzule, ten la to fete in man. (Quando la polenta è piccola, tieni la tua fetta in mano)

– Amor senze barufe e fas le muffè. (Amore senza litigare fa la muffa)

– O fasarai al è fradi di nò fa mai. (Farò è fratello di non fare mai)

– Se il Signor al mande il frut al mande ancje il pagnut. (Se il Signore manda il bambino manda anche la pagnotta)

– Vin e amis, un paradis. (Vino e amici, sono un paradiso)

– Il pan di paron al à siet crostis. (Il pane del padrone ha sette croste)

– Ogni mes si fas la lune, ogni dì s’impare une. (Ogni mese si fa la luna nuova, ogni giorno si impara qualcosa)


– La cjase dai contèns ‘a è anciemò di fa. (La casa dei contenti è ancora da fare)

– Se il cur ti dul torne in Friul. (Se il cuore ti duole, torna in Friuli)

– Cui che nol à vois, ul dî che s’a lis à gjavadis. (Quello che non ha vizi vuol dire che se li è tolti)

– A’ vuelin siet umign a fa une ciase, ‘e baste una femine a sdrumale. (Ci vogliono sette uomini per fare una casa, ma basta una donna per distruggerla)

– Cui ch’al nàs sfortunat, ancje s’al cole par daur si romp el nas. (Quello che nasce sfortunato, anche se cade all’indietro si rompe il naso)

– Si ricuardi ben la nuvizze che se vuè a è brut, doman a è sueisare! (Si ricordi bene la sposa che se oggi è nuora, domani è suocera)


Detti friulani

– Nissun al à tant cefa come il bon a nuie. (Nessuno è così impegnato come il buono a nulla)

– A ve il moros ‘e jè una cros, a no velu a’ son dos. (Avere il fidanzato è una croce, ma non averlo sono due croci)

– La bolp no fas mai damps là ch’è à la tane. (La volpe non fa mai danni vicino alla propria tana)

– Il matrimoni: s’al ‘ere un bon sacrament s’al tignivin i prèdis. (Il matrimonio: se era un buon sacramento se lo tenevano i preti)

– Ogni cjan laude la sò code. (Ogni cane loda la sua coda)

– Al fàle àncje il predi sul altar. (Sbaglia anche il prete sull’altare)

– Val plui un amì che cent parinc’. (Vale più un amico di cento parenti)

– Prime di dî di nò, viot se tu pus dî di sì, prime di di di sì, pense sore une dì. (Prima di dire di no, vedi se puoi dire di sì, prima di dire di sì, pensaci sopra un dì)

– Chel ch’al fâs un pas viàrs l’infiâr al à ‘za fate miege strade. (Chi ha fatto un passo verso l’inferno ha già fatto mezza strada)

– Une buine mari e val plui di cent maestris! (Una buona madre vale più di cento maestre)

– Il gjat al è un leon pe surìs. (Il gatto è un leone per il topo)

– Al è lari tant cui ch’al robe, che cui ch’al ten il sac. (È ladro tanto chi ruba quanto chi tiene il sacco)


– Una ridade giave un claut da casse. (Una risata toglie un chiodo alla cassa da morto)

– Dute le robe del mondo le sta ta la ponta de la lengua. (Tutte le cose del mondo stanno sulla punta della lingua)

– L’acqua e el savon xe do boni dotori. (L’acqua e il sapone sono due buoni dottori)

– A l’è inutil insegnà al mus, si piart tiemp, in plui, si infastidis la bestie. (E’ inutile insegnare all’asino, si perde tempo e in più si innervosisce la bestia)

– Ancje Dio al è furlan; sa nol pae vuei, al pae doman. (Anche Dio è friulano; se non paga oggi, paga domani)

– Ten su i amis in public e coregju in privat! (Difendi i tuoi amici in pubblico e correggili in privato)

– Val plui un amì che cent parinc’. (Vale più un amico di cento parenti)

– L’avar no si picje par no spindi i becs da cuarde. (L’avaro non si impicca per non spendere i soldi della corda)

– I parinc’ si cognossin a fassis, gnòcis e cassis. (I parenti si conoscono alle nascite, alle nozze e ai funerali)

– La tristèrie si impare cence mèstris. (La cattiveria si impara senza maestri)

– Tres robis impussibilis: fà sta férs i fruts, fà cori i viei e fà tasé lis feminis. (Tre cose impossibili: far star fermi i bambini, far correre i vecchi e far tacere le donne)

Proverbi friulani

– I sbalios a’ son granc’ quant che l’amor al è pìzzul! (Gli errori sono grandi quando l’amore è piccolo)


– Il prin pecjàt al prepara il secont. (Il primo peccato prepara il secondo)

– Lis feridis d’amor al po’ vuarilis dome chel che lis à fàtis! (Le ferite d’amore possono essere guarite soltanto da chi le ha fatte)

– Chel ch’al ul la fie ch’al cjareci la mari! (Chi vuole la figlia accarezzi la madre)

– Cui ch’al fas su la cjase in place, la fas o masse alte o masse basse. (Chi fa la casa in piazza, o la fa troppo alta o la fa troppo bassa)

– Ogni mat al par savi quant ch’al tas. (Ogni matto sembra savio quando tace)

– Tu stimaras to pari cuanche tu saras pari! (Stimerai tuo padre quando sarai padre a tua volta)

– Se tu cìris l’uguagliance tu le cjatis tal simitieri. (Se cerchi l’uguaglianza la trovi al cimitero)

– Cui sudors de furlanie vin, polente e ligrie! (Con le fatiche dei friulani, vino, polenta e allegria)

– Nol è un ver amî chel ch’al dîs simpri di sì. (Non è un vero amico chi dice sempre di sì)

– A cui che al bute vie cu lis mans i tocje di la a cirî cui pis. (Chi butta via con le mani deve andare a cercare con i piedi)

– L’aghe ruvine i puinz e il vin il cjaf. (L’acqua rovina i ponti e il vino la testa)

– A maridasi si sta ben un mes, a copa il purcit si sta ben un an. (Sposandosi si sta bene un mese, ammazzando il maiale si sta bene un anno)


– Tal pais dai zuète, duc’ a’ crodin di cjaminà drets. (Nel paese degli zoppi tutti credono di camminare diritti)

– Il prin pecjat al prepare il secont. (Il primo peccato prepara il secondo)

– Al è mior fa invidie che no pietat. (E’ meglio fare invidia che pietà)

– Chel che nol a nemîs nol a nancje amîs! (Chi non ha nemici non ha nemmeno amici)

– Un pecjat al è tant; cent prejeris a’ son poc. (Un peccato è tanto; cento preghiere sono poche)

– I siors an il paradis in chest mont. (I ricchi hanno il paradiso in questo mondo)

– Nol è nissun matrimoni che nol jentri il demoni. (Non c’è nessun matrimonio in cui non entri il demonio)

– Tre volte bon tre volte mona. (Tre volte buono, tre volte stupido)

– La pas in cjase nol è aur che le pae! (La pace in casa non ha prezzo)

– Nancje in paradis no si sta ben bessoi. (Neanche in paradiso si sta bene da soli)