Proverbi siciliani

Selezione di proverbi siciliani, detti e modi di dire più usati in Sicilia, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

proverbi siciliani

Modi di dire siciliani

– Carciri, malatia e nicissità, si viri lu cori di l’amici. (Nel carcere, nella malattia e nelle necessità, si vede il cuore degli amici)

– Zoccu ora si schifia veni lu tempu ca si ddisia. (Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato)

– Ccu amici e ccuparenti, ‘un accattari e ‘un vinniri nienti. (Con gli amici e con i parenti, non comprare e non vendere niente)

– Uomu di panza uomu di sustanza. (Uomo di pancia, uomo di sostanza)

– Cu’ è picciottu è riccu. (Chi è giovane è ricco)

– U venniri è di natura, comu agghiorna accussì scura. (Il venerdì è di natura, come fa giorno, così muore)

– Cu avi lingua arriva a Roma. (Chi ha lingua arriva a Roma)

– U rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato. (Il rispetto è misurato.Chi lo porta lo riceve)

– Cu bonu simina, megghiu arricogghi. (Chi bene semina, meglio raccoglie)

– U lupu di mala cuscenza comu opera accussì penza. (Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che potrebbe fare lui)

– Cu campa pava e cu mori è cunnutu. (Chi vive paga, e chi muore “giace”)

– Tutti i cunsigghi pìgghia, ma u to nun u lassari. (Ascolta tutti i consigli, ma non abbandonare la tua idea)

– Cu campa vecchiu si fa’. (Chi vive diventa vecchio)

– Triulu ‘nsigna a chianciri. (La sofferenza insegna o piangere)

– Cu lassa a vecchia ppà nova peggiu s’attrova. (Chi lascia la vecchia per la nuova si troverà male.)

– Teniri na vipera intra la manica. (Allevare una serpe in seno)

– Aceddu ‘nta la aggia non canta p’amuri, ma pi raggia. (Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia)

– Tali patri tali figghiu. (Tale padre tale figlio)

– Acqua, cunsigghiu e sali a cu n’addumanna `n ci nni dari. (Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede)

– Tali matri, tali fighia, va ‘bbiassi ‘nta larigghia. (Tale madre, tale figlia, vi butterei nella graticola)

– A ucca è quantu n’aneddu, si mangia turri, palazzi e casteddu. (La bocca e quanto un’anello, ma si mangia torri, palazzi e castelli)

– Spenni picca e arricchirai, para picca e ‘nzirtirai, mancia picca e campirai. (Spendi poco e diventerai ricco, parla poco e sarà la scelta migliore,mangia poco e vivrai a lungo)

– Amuri nun senti cunsigghi. (Amore non sente consigli)

– Si pi paura di corvi ‘n si semina linusa, non putissimu aviri la cammisa. (Se per paura dei corvi non si semina il lino, non potremmo avere la camicia)

– A pignata vaddata non vugghi mai. (La pentola guardata non bolle mai)

– Simina ventu e ricoghi timpesta. (Semina vento e raccoglie tempesta)

– Aspittari e non veniri, jiri a tavula e non manciari, jiri o lettu e non durmiri su` tri peni di muriri. (Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire)

– Scàcciti juncu ca passa la china. (Piegati giunco perché passa la piena)

– Attacca lu sceccu unni voli u patruni. (Lega l’asino dove vuole il padrone)

– S’arricchisci cco bono bonè, s’impoverisci cco chistu cchiè. (Si arricchisce accontentandosi “buono com’è”, si impoverisce con la curiosità “questo cos’è”)

Detti siciliani

– Bon tempu e malu tempu, nun dura tuttu tempu. (Buon tempo e brutto tempo non durano sempre)

– Quando la pera é matura cade da sola. (Col passare del tempo le situazioni si chiariscono da sole)

– Carciri, malatia e nicissità, si viri lu cori di l’amici. (Nel carcere, nella malattia e nelle necessità, si vede il cuore degli amici)

– Quannu u diavulu t’alliscia voli l’arma. (Quando il diavolo ti adula vuole l`anima)

– Ccu amici e ccuparenti, ‘un accattari e ‘un vinniri nienti. (Con gli amici e con i parenti, non comprare e non vendere niente)

– Quannu lu jardinu e siccu, s’abbivira. (Quando il giardino e arido, si innaffia)

– Cu’ è picciottu è riccu. (Chi è giovane è ricco)

– Quannu la lingua voli parrari, prima a lu cori a dumannari. (Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore)

– Cu avi lingua arriva a Roma. (Chi ha lingua arriva a Roma)

– Quannu l’amuri voli, trova locu. (Quando l’amore vuole, trova come fare)

– Cu bonu simina, megghiu arricogghi. (Chi bene semina, meglio raccoglie)

– Quannu la furtuna vota ogni amicu s’alluntana. (Quando la fortuna volta le spalle tutti gli amici si allontanano)

– Cu campa pava e cu mori è cunnutu. (Chi vive paga, e chi muore “giace”)

– Prima ‘i parari mastica i paroli. (Prima di parlare mastica le parole)

– Cu campa vecchiu si fa’. (Chi vive diventa vecchio)

– Ogni cani è liuni na sò casa. (Ogni cane nelle sua casa si sente un leone)

– Cu lassa a vecchia ppà nova peggiu s’attrova. (Chi lascia la vecchia per la nuova si troverà male.)

– Occhiu ca non viri, cori ca non doli. (Occhio che non vede, cuore che non duole)

– Cu mancia fa muddichi. (Chi mangia fa briciole)

– O ti manci sta minestra o ti abbi da finestra. (O mangi questa minestra o ti butti dalla finestra)

– Cu mania non pinia. (Chi ha le mani in pasta sta bene)

– Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata. (Non lodare la giornata se non è passata la serata)

– Cu n’arrisica na’ arrussica. (Chi non risica non rosica)

– Nun c’è sabitu senza suli e nun c’è fimmina senza amuri. (Non c’è sabato senza sole e non c’è donna senza amore)

– Cu’ nesci, arrinesci. (Chi esce, riesce)

– Non sempri arriri a muggheri do latru. (Non sempre ride la moglie del ladro)

– Cu non fa nenti non sbagghia nenti. (Solo chi non fa niente non commette errori)

– Nun prumettiri e santi diuna né e carusi cudduruna. (Non promettere ai santi digiuni e ai ragazzi focacce)

– Cu pava prima, mangia pisci fitusu. (Chi paga prima, mangia pesce marcio)

– Nuddu si pigghia si non si rassumigghia. (Le persone si scelgono perchè si somigliano)

Proverbi siciliani

– Cu prima nun pensa all’uttimu suspira. (Chi non pensa prima di agire, alla fine non gli resta che sospirare)

– Non ci aiu unni cadiri e muriri. (Non ho dove cadere e morire)

– Cu spatti avi a megghiu parti. (Chi divide ha la parte migliore)

– Non ci aiu mancu sali di salera. (Non ho neanche il sale della saliera)

– Cu sputa ‘ncelu ‘nfacci ci tonna. (Chi sputa – bestemmia – in cielo, in faccia ci ritorna)

– Natali o suli e Pasqua o tizzuni tannu è a vera staggiuni. (Natale al sole e Pasqua al freddo, allora è la vera stagione)

– Cu voli u spassu s’accatta a signa. (Chi vuole un passatempo si compra la scimmia)

– Munti cù munti non s`incontrunu mai. (I monti non s’incontrano mai con altri monti)

– Cui scippa vigna, e chianta vigna, mai vinnigna. (Chi toglie la vigna, e ripianta vigna, mai raccoglie)

– Mercuri intra e simana fora. (Mercoledì dentro e settimana fuori)

– Di marti nè si spusa nè si parti. (Di martedì né si sposa né si parte)

– Megghiu l’ovu oggi ca a iaddina dumani. (Meglio l’uovo oggi che la gallina domani)

– Di `na rosa nasci `na spina. (Di ‘na spina nasci ‘na rosa. Da una rosa nasce una spina, da una spina nasce una rosa)

– Malidittu u mummuriaturi, ma chiù assai cu si fa’ mummuriari. (Maledetto chi sparla, ma di più chi si fa sparlare)

– Dui su’ i putenti, cu avi assai e cu non avi nenti. (Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente)

– Lu sazio nun cridi a lu dijunu. (Chi è sazio non crede al digiuno)

– Fa’ beni e scordatillu, fà mali e pensaci. (Fai bene e dimenticalo, fai male e pensaci)

– Lu gilusu mori curnutu. (Il geloso muore cornuto)

– Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta. (Donna barbuta, neanche di lontano si saluta)

– L’omu è lu focu, e la donna è la stuppa; lu diavulu veni e ciuscia. (L’uomo è il fuoco, la donna è la stoppa, il diavolo viene e ci soffia)

– Fimmina pilusa bona vinturusa. (Donna pelosa è fortunata)

– Lingua bona, bona l’arma. (Lingua buona, buona l’anima)

– Geniu fa biddizza. (Intelligenza fa bellezza)

– Li guai di la pignata li sapi la cucchiara. (I guai della pentola li conosce il cucchiaio)

– La donna, lu ventu e la vintura pocu dura. (La donna, il vento e la sorte poco durano)

– La bona fimmina fa la casa, la pazza la sdirrubba. (La donna buona fa la casa, la pazza la distrugge)

– L’omu di mala cuscenza, comu opira a cussi’ penza. (L’uomo di cattiva coscienza, come agisce così pensa)

– L’Amuri è musuratu, cu lu porta, l’havi purtatu. (L’amore è misurato, chi lo porta, lo riavrà indietro)

– La matinata fa la jurnata. (La mattinata fa la giornata)