Proverbi emiliani: detti e modi di dire

proverbi emiliani
proverbi emiliani

Selezione di proverbi emiliani, detti e modi di dire più usati in Emilia Romagna, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

Modi di dire emiliani

– Una bona dbuda la t’fa rómpar mej l’êria e la t’fa vdé è mond pió bël. (Una buona bevuta ti fa romper meglio l’aria e ti fa vedere più bello il mondo)

– A to un vecc da è su usitéri, l’è l’instess che mandel a è zimiteri. (Togliere a un vecchio le sue abitudini, significa mandarlo al cimitero)

– La brasala ‘d chijetar a la pè sempar piò granda. (La braciola degli altri sembra sempre più grande)

– E’ mond l’è fat in tond e chi ch’a n’sa navighe è va a fond. (Il mondo è fatto rotondo e chi non sa navigare va a fondo)

– La prèscia bisàgna lassèrla al levri. (La fretta bisogna lasciarla alle lepri)

– Chi compra tèra, compra guèra. (Chi compra della terra, compra della guerra)

– Bì e’ ven e lassa andê l’aqua a e’ mulen. (Bevi vino e lascia andare l’acqua al mulino)

– Aqua d’curri. Tott i mael la porta vi. (L’acqua che scorre tutti i mali se li porta via)

– Dl’aqua non bi che i palmun ai marzarì. (Dell’acqua non bere, chè i polmoni ti si marciranno)

– Dov an i è al soul, i è spass al duttaur. (Dove non arriva il sole, spesso arriva il dottore)

– Rèmin da navighe, Cesena da cante, Furlé da ballé, Ravena da magne, Lugh da imbruje, Faenza da lavurê, Jemula da fè’l’amor. (Rimini per navigare, Cesena per cantare, Forlì per ballare, Ravenna per mangiare, Lugo per imbrogliare, Faenza per lavorare, Imola per fare l’amore)

– S’a j acàt chi ch’ha invante la fadiga a i vol fe un brudet. (Se trovo chi ha inventato il lavoro gli voglio fare un brodetto)

– Al prémm turtèl, an vén mai bèl. (Il primo tortellino non viene mai bene)

– A d’aenter mond an si porta che al bain e al mael. (All’altro mondo si portano solamente le azioni buone e brutte, mai i beni terreni)

– Cum stè? Cumè e pes te paier. (Come stai? Come un pesce nel pagliaio)

– Sa zèint an a vot campêr, i to fàt agh èt da fer. (Se vuoi vivere cent’anni, non devi essere troppo curioso)

– E porta via anche e fom mal pepie. (Porta via anche il fumo alle pipe)

– U j è ch’magna par campe e chi ch’magna par s-ciupe. (C’è chi mangia per campare e chi mangia per scoppiare)

– In Paradis, ai è una scrana preparè par la premma nóra e madóna ch’i en andè d’acórd. (In Paradiso c’è una sedia preparata per la prima nuora e suocera che sono andate d’accordo)

– Ai puvrètt agh manca di mòndi, mo ai aver agh manca tót. (Ai poveretti mancano molte cose, ma all’avaro manca tutto)

– Santa in cisa, dievl in ca. (Santa in chiesa, diavolo in casa)

– S’a vrì vèdor il pen-i dl’infèron, al fornèr d’istè e al molinèr d’invèron. (Se volete vedere le pene dell’inferno, fate il fornaio d’estate e il mugnaio d’inverno)

Detti emiliani

– Dona giuvna, vein, turtél e va là che’l mond l’è bèl. (Donna giovane, vino, tortellino e dai che il mondo è bello)

– El donn egli ein come el castagn, ed fùra la blozza e déintr’al magagn. (Le donne sono come le castagne, fuori la bellezza e dentro le magagne)

– Se t’vò stè ben, magna fort e be de’ ven! (Se vuoi star bene, mangia molto e bevi vino)

– Dal det al fat ai un gran trat. (Dal detto al fatto vi è un gran tratto)

– A taevla e a laet. An vol i rispaet. (A tavola e a letto. Ci vuole rispetto)

– Al prem còulp an casca l’alber. (Al primo colpo non cade l’albero)

– Murir inco o murir edmàn l’è l’istàs, sol êssregh pasdmàn. (Morire oggi o morire domani è lo stesso, l’importante è esserci dopodomani)

– J’omi cativi e al vèin bon i düri pocu. (Gli uomini cattivi e il vino buono durano poco)

– S’t vù vivar in aligrì guêrdat’d davanti e no di drì. (Se vuoi vivere sereno guarda avanti e non dietro)

– A far i fat su an s’insporca mai el man. (Chi si fa i fatti suoi, non si sporca mai le mani)

– La blazza per un an, la buntè per sèimper. (La bellezza per una anno, la bontà per sempre)

– I fàt en màsti, e al parol en famen. (L’operato è degli uomini, la parola delle donne)

– L’amizezzia fa grandi el zoi e cinèń i dśgost. (L’amicizia fa grandi le gioie e piccoli i dispiaceri)

– Quand a manca al pess è bon anch i gambar. (Quando manca il pesce sono buoni anche i gamberi)

– La muiér l’è una sèrva che biśàggna tratèr da regèńna. (La moglie è una serva che bisogna saper mettere su un trono)

– La memoria dal creditour l’è samper piò bòna ed quella dal debitour. (La memoria del creditore è sempre più buona di quella del debitore)

– Al cór l’è come uń magatt;al và spàiś pòch a la vòlta. (Il cuore è un tesoro, sarebbe una rovina spenderlo in un sol colpo)

– Danna ch’la pianza, amm ch’al zura, caval ch’al suda, i ein fèls come giuda. (Donna che pianga, uomo che giuri, cavallo che sudi; sono falsi come giuda)

– L’inteligiànt vòl savàir,al sumarnaz vòl insgnèr. (L’intelligente vuole istruirsi, lo stupido insegnare)

– Tre aqui cunsumèdi: lavèr la chèrna, daquèr al vèin e lavèr un cuntadèin. (Tre acque consumate: lavare la carne, aggiungere acqua al vino e lavare un contadino)

– Tu sò e métt là che la so la vgnarà. (Non vi è nulla di inutile, nemmeno l’inutilità stessa)

– Nissun piat gòsta e vèl come i caplètt al dè’d Nadèl. (Nessun piatto gusta e vale quanto i cappelletti il giorno di Natale)

Proverbi emiliani

– Una bona dbuda la t’fa rómpar mej l’êria e la t’fa vdé è mond pió bël. (Una buona bevuta ti fa romper meglio l’aria e ti fa vedere più bello il mondo)

– Avrel, tott i dè un barel. (Aprile, tutti i giorni un barile di pioggia)

– La brasala ‘d chijetar a la pè sempar piò granda. (La braciola degli altri sembra sempre più grande)

– Quand al gal canta da galen-na, la ca va in arven-na. (Quando il gallo canta da gallina, la casa va in rovina)

– La prèscia bisàgna lassèrla al levri. (La fretta bisogna lasciarla alle lepri)

– Il muschi i gh’én sèt més a l’an, i rompabàl tut l’an. (Le mosche ci sono sette mesi l’anno, i rompiscatole tutto l’anno)

– La pulizia la sta ben dimpartot all’infura de portafoi. (La pulizia sta bene ovunque tranne che nel portafoglio)

– Bì e’ ven e lassa andê l’aqua a e’ mulen. (Bevi vino e lascia andare l’acqua al mulino)

– Chi ch’cardess a tot quel che po’ insugnê, mat è po’ dvintê. (Chi credesse a tutto quello che può sognare, matto può diventare)

– Dl’aqua non bi che i palmun ai marzarì. (Dell’acqua non bere, chè i polmoni ti si marciranno)

– Da chi trop spess i va a cunsè, b-sogna sempra diffidé. (Da chi troppo di frequente si va a confessare, bisogna sempre diffidare)

– Rèmin da navighe, Cesena da cante, Furlé da ballé, Ravena da magne, Lugh da imbruje, Faenza da lavurê, Jemula da fè’l’amor. (Rimini per navigare, Cesena per cantare, Forlì per ballare, Ravenna per mangiare, Lugo per imbrogliare, Faenza per lavorare, Imola per fare l’amore)

– Un’ basta avè la rasònm, bsogna ch’i t’la dëga. (Non basta avere ragione: bisogna che te la diano)

– Al prémm turtèl, an vén mai bèl. (Il primo tortellino non viene mai bene)

– L’a piò coran lò che un zezt d’lumêgh. (Ha più corna lui di un cesto di lumache)

– Cum stè? Cumè e pes te paier. (Come stai? Come un pesce nel pagliaio)

– E’ pass par quant l’è longh la gamba, e’ bcôn par quant l’è lerga la boca. (Il passo per quanto è lunga la gamba, il boccone per quanto è larga la bocca)

– E porta via anche e fom mal pepie. (Porta via anche il fumo alle pipe)

– I sold i fa andè l’aqua par l’insò. (I soldi fanno andare l’acqua verso l’alto)

– In Paradis, ai è una scrana preparè par la premma nóra e madóna ch’i en andè d’acórd. (In Paradiso c’è una sedia preparata per la prima nuora e suocera che sono andate d’accordo)

– I prit i canta e icsé i incanta. I prit i prega, mo a me i n’u m’frega. (I preti cantano e così incantano. I preti pregano ma non mi fregano)

– Santa in cisa, dievl in ca. (Santa in chiesa, diavolo in casa)