Proverbi pugliesi: detti e modi di dire

Selezione di proverbi pugliesi, detti e modi di dire più usati in Puglia, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

proverbi pugliesi

Proverbi pugliesi

– Ci va n-gase de varviire non àcchie lusce, né cannelìire. (In casa di barbieri non ci sono luci né candelieri)

– Face chiù meracule na votte de vine ca na chiese de Sante. (Fa più miracoli una botte di vino che una chiesa di Santi)

– U scarpàre ticche e tticche sèmbe fatìche e mmà iè rricche. (Il cazolaio “ticche e tticche” sempre lavora e mai è ricco)

– Criste le fòce e u diavue l’accòcchie. (Cristo li fa, il diavolo li accoppia)

– L’arte iè ciardìne: ce non accuègghie la sère, accuègghie la matìne. (L’arte è giardino: se non raccogli la sera raccogli il mattino)

– U che ve o strazzat. (Il cane va dallo straccione)

– Viàte a cchèdda case addò stà na chièreca rase. (Beata quella famiglia della quale fa parte un prete)

– Da u mbriàeche puète avàie nu bbecchiere de mìere, da u canarèute nam buète avàie nu mùezzeche. (Un ubriaco ti darà sempre un bicchiere di vino, il goloso non ti cederà nemmeno una sola briciola)

– Canàte, fàccia lavàte; sròche e nnòre, spina cammaràte. (Cognata, faccia lavata; suocera e nuora, spine velenose)

– Vaele cchièu a ssapà dòece ch’a ssapàie fateghè. (Vale più saper convincere che saper lavorare)

– O mègghie amìche la mègghia petràte. (Al miglior amico la migliore sassata)

– La chessciènze iè ccome a la calzzètte, mo iè llarghe e mmò iè strètte. (La coscienza è come una calza: ora è larga, ora è stretta)

– Ce u russe fosse fedèle pure u diàuue fosse senggère. (Se il rosso di capelli fosse fedele anche il diavolo sarebbe sincero)

– Càngene le senatùre; ma la canzzòne iè la stèsse. (Cambiano i suonatori; ma la canzone è sempre la stessa)

– Ci tène la fàccia toste se marìte e la fèmmena onèste arremàne zìte. (Chi è sfrontata si marita e la donna onesta rimane zitella)

– U pedùcchie prime te sòrchie u ssanghe e ppò te sbrevòggne. (Il pidocchio prima ti succhia il sangue poi ti svergogna)

– Na fèmmene, na pàbbere e nu puèrche fàscene reveldà nu paìse. (Una donna, una papera e un porco mettono in subbuglio un paese)

– Decève tatà granne: “Nessciùne bbène dure cìind’anne”. (Diceva il nonno: “Nessun bene dura cent’anni”)

– La fèmmene cattìve chiànge u muèrte e ppènze o vive. (La vedova piange il morto e pensa al vivo)

– Disce la cambbàne de Manfredònie: “Damme ca te dogghe”. (Disse la campana di Manfredonia: “Dammi che ti do”)

– Ci tène terrìse sèmbe conde ci tène megghièra bbone sèmbe cande. (Chi ha denaro sempre conta, chi ha moglie bella sempre canta)

– Ce tu uè fadegà l’Amèrghe iè ddò e l’Armerghè iè ddà. (Se hai voglia di lavorare, l’America è qui e America è là)

– Ci che la dote la bbrutte se pìgghie, va pe mmète grane eppàgghie pìgghie. (Chi per la dote sposa una donna brutta, invece di grano miete paglia)

– Ce l’ammìdie iève tìggne tutte u munne iève teggnùse. (Se l’invidia fosse tigna tutto il mondo sarebbe tignoso)

– Le ciùcce s’arràghene e le varrìle se sfàsscene. (Gli asini litigano e i barili si sfasciano)

– U pòdece iìnd’a la farìne se crète malenàre. (La pulce nella farina si crede mugnaio)

– Quànne u vove non vole arà, tutte le sscìue nge pàrne stèrte. (Quando il bue non vuole arare, tutti i giochi gli sembrano scomodi)

– Ci te vète mbecàte te vène ttrà le pìite. (Chi ti vede impiccato viene a tirarti i piedi)

– Ci se mange la polpe, s’ava spezzuà u uèsse. (Chi si mangia la polpa, deve rosicchiarsi l’osso)

– Sacche vacànde non ze rèsce m-bbìite. (Sacco vuoto non si regge in piedi)

– U mèste d’àssce fasce crusce e ammène abbàssce. (Il falegname manda giù i segni di croce che si fa e niente pane)

– La salùte iè nu tresòre ca nessciùne sape canòssce. (La salute è un tesoro che nessuno sa riconoscere)

– Na mamme cambe c’inte figghie e ccìnde figghie non gàmbene na mamme. (Una mamma aiuta cento figli e cento figli non aiutano una mamma)

– Acqua forte trapàne u cappòtte, àcqua fine trapàne le rine. (L’acqua forte oltrepassa il cappotto, l’acqua fine arriva alle reni)

– La mamma fasce le figghie e la vecìne le marìte. (La mamma alleva le figlie e la vicina le marita)

– Cìile pegherìne ce non ghìove la sère chìove la matìne. (Cielo a pecorelle: se non piove la sera pioverà il mattino)

– Lùnge u uàsse ca la ròte camìne. (Ungi lasse che la ruota cammina)

– Ci disce va cole merì, non vole stènne le pìite. (Chi dice di voler morire non vuole stendere i piedi)

– La cose ca non ze mesùre, pìcche tìimbe adùre. (La cosa che non si misura poco tempo dura)

– Mègghie cape de sarde ca ièsse de balène. (Meglio testa di sardina che osso di balena)

– Addò lìive e non reffùnne oggne e ccose iàcchie u fùnne. (Dove togli e non rimetti, ogni cosa trova il fondo)

– Mare, fèmmene e ffuèche, fusce quànde cchiù puète. (Da mare, donna e fuoco fuggi più che puoi)

– Sparàggne la farìne quànne u sacche stà chìine. (Risparmia la farina quando il sacco è pieno)

– Na cose assùte da ìind’a le dìinde, la sàbbene cchiù de cìinde. (Una cosa uscita dai denti, la sanno più di cento)

– Desìggne de poverìidde non arrièsscene mà. (I progetti dei poveri non si realizzano mai)

– Chiàcchire e pallùne vàlne nu solde l’une. (Chiacchiere e palloni valgono un soldo l’uno)

– Lùne sule fu ggiùste e fu mise n-gròsce. (Uno solo fu giusto e fu messo in croce)