Proverbi calabresi: detti e modi di dire

Selezione di proverbi calabresi, detti e modi di dire più usati nella Calabria, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

proverbi calabresi

Proverbi calabresi

– Cu vaci cu zoppu, zoppia. (Chi va con lo zoppo impara a zoppicare)

– A cunfidenza è patruna da malacrianza. (La troppa confidenza è figlia della cattiva educazione)

– Chi va a ru mulinu, se ‘mparina. (Chi va al mulino, s’infarina)

– Cu’ non si faci l’affari soi ca lanterna va cercandu guai. (Chi non si fa gli affari suoi, con la lanterna va cercando guai)

– Sulu chi fa sbagghja (Solo chi fa le cose, rischia di avere dei problemi)

– Chiù allisciu u gattu, chiù arrizza u pilu. (Meglio tratti una persona, più ti si rivolta contro)

– Spagnati du riccu mpovirutu e du poviru arriccutu. (Non ti fidare mai del ricco impoverito e del povero arricchito)

– A carne supra l’uossu bella pare. (La carne sopra l’osso bella pare)

– Chi tardi arriva, malu alloggia. (Chi tardi arriva, male alloggia)

– Criscianu l’anni e criscianu i malanni (Aumentano gli anni e aumentano i malanni)

– Chi te vo bene te fa ciangere, chi te vo male te fa ridere. (Chi ti vuol bene ti fa piangere, chi ti vuol male ti fa ridere)

– Megghju aviri a chi fari cu centu briganti, ca cu nu stortu gnuranti. (E’ meglio aver a che fare con cento briganti piuttosto che con uno solo, ma stupido)

– De matina l’acqua è medicina. (Di mattina l’acqua è medicina)

– Chi sta dintru o te ‘ncorna o te scorna. (Chi sta dentro casa tua o ti fa le corna o ti porta via qualcosa)

– Abitu ‘un fa monacu e chirica ‘un fa prievite. (L’abito non fa il monaco e la chierica non fa prete)

Fimmana senz’arduri è comu rosa senza hiavru. (Donna senza calore è come rosa senza odore)

– Chiru chi fazzu eu, facia u ciucciu meu. (Quello che faccio io, fa il mio asino)

– Diu chiude ‘na porta e rapere na finestra. (Dio chiude una porta e apre una finestra)

– Chirica ‘un fa monacu (L’abito non fa il monaco)

– Ah chimmu ti criscia a ierba ‘nta casa. (Che ti cresca l’erba dentro casa!)

– Chi pocu tene, caru ‘u tene. (Chi ha poco, fa molto attenzione a ciò che possiede)

– Cu zappa mbivi all’acqua, cu futti mbivi a gutti. (Chi lavora beve acqua, mentre chi ruba beve vino)

– L’agiallu intra a caggia no sempre canta pe amure, ma pe raggia. (L’uccello in gabbia non sempre canta per amore, ma per rabbia)

– Chi piecura se fa, ‘u lupu si lu mangia. (Chi pecora si fa, il lupo se lo mangia)

– Acqua passata ‘un macina mulinu. (L’acqua passata non macina mulino)

– Cu pucu si vivi e cu nenti si mori. (Con poco si vive e con niente si muore)

– Chine tene libri, tene labbra. (Chi possiede (legge) libri, sa parlare)

– Acqua, fuacu e pane ‘un se neganu mancu a ri cani. (Acqua, fuoco e pane non si negano neanche ai cani)

– Chini chianta patati, coglia patati. (Chi pianta patate, raccoglie patate)

– Cu amici e cu parenti no cattari e non vindiri nenti. (Con amici e con parenti non comprare e non vendere niente)

– Acquazzina ‘un inchie puzzu. (La rugiada non riempie il pozzo)

– Chine ha salute ha dinari. (Chi ha salute, è ricco)

– Agiallu va duve truva granu. (L’uccello va dove trova il grano)

– Chine campa sperannu, affrittu more. (Chi di speranza vive, disperato muore)

– Dulure de mole, dulure de core. (Il mal di denti è come il mal di cuore; forte e duraturo)

– Chine tene robba, ha parianti. (Chi possiede, ha parenti)

– A jumi cittu un ji a piscà. (Non andare a pescare al fiume silenzioso)

– Canjanu i sonaturi, ma ‘a musica è sempre ‘a stessa. (Cambiano i suonatori, ma la musica è sempre la stessa)

– Amara chira casa cu l’erva a ru scalune. (Triste la casa con l’erba sullo scalino)

– Bona maritata, senza donna e canata. (Contrae un buon matrimonio chi non ha né suocera né cognata)

– Amaru cu u porcu no ‘mmazza, a li travi soi non attacca sazizza. (Amaro è chi non ammazza il maiale poiché dalle travi non pendono salsicce)

– Bisognusi, presuntusi. (Chi ha bisogno, non si fa scrupoli a chiedere)

– Amaru u picciulu chi vacia ncio’randa (Amaro il piccolo che va nel grande)

– Belli e brutti, a morte s’i ‘ngliutta (Belli e brutti, la morte li inghiotte)

– Amaru a chini mora. (Amara è la sorte di chi muore)

– A Santu Martinu si iaprunu i butti e si prova lu vinu. (A San martino si aprono le botti e si assaggia il vino)

– A zirra d’a sira stipala pe ra matina. (La rabbia della sera conservala per il mattino)

– Amaru chi ha de dare e chi ha d’avire. (Infelice è chi deve dare e chi deve avere)

– A vurpe quannu ‘un junge all’uva dice ch’è amara. (La volpe quando non riesce a prendere l’uva dice ch’è acerba)

– Dassa stari lu cani chi dormi. (Non stuzzicare il cane che dorme)

– A vogghia mu ndi fai ricci e cannola, ca u santu ch’è de marmuru non suda. (Hai voglia a fare ricci e cannoli, il santo che è di marmo non suda)

– A meglia parola è chilla ca ‘un se dice. (La parola migliore è quella che non si dice)

– Avire n’apa a ra capu. (Avere un’ape nella testa)

– Amicu de ‘u bon tiempu, se muta cu ru vientu. (Amico del tempo felice, cambia secondo il vento)

– A strata longa rumpe ‘u carru (La strada lunga rompe il carro)

– A ru cavallu jestimatu luce ru pilu. (Al cavallo che riceve imprecazioni luccica il pelo)

– Teni menti prima a cu tu dici e poi a chi ti dici. (Prima rifletti su chi ti parla e poi su cosa ti dice)