Proverbi cinesi: detti e modi di dire

Raccolta di proverbi cinesi, detti e modi di dire popolari in Cina tradotti in italiano, come testimonianza della saggezza di questo popolo dal carattere particolare, scaturito dall’intreccio del piano spirituale con quello materiale.

proverbi cinesi

Proverbi cinesi

– Nel corso della sua vita l’uomo non conosce il proprio spirito; dopo morto dimentica il proprio corpo.

– Cento tiri, cento centri.

– È più facile deviare il corso di un fiume o spianare una montagna che cambiare l’animo di un uomo.

– Impulso del momento.

– Devi attraversare il fiume prima di dire al coccodrillo che ha un cattivo alito.

– Esercitare tutta la tua forza.

– Ci vuole un decennio per coltivare gli alberi, ma un secolo per coltivare gli esseri umani.

– Andare senza dire.

– Se le vostre parole non sono migliori del silenzio, dovreste restare zitti.

– Vivi in modo da non far male a nessuno, ecco l’aspirazione suprema.

– Per raggiungere una crescita stabile, un’impresa deve essere all’altezza della sua convinzione.

– Lanciando un’idea là fuori.

– L’uomo che sposta le montagne comincia portando via i sassi più piccoli.

– Amore a prima vista.

– Spesso, è nei momenti difficili che si realizzano i più grandi sforzi.

– Era senza casa e non aveva un soldo al suo nome.

– Può importarci poco degli uomini, ma abbiamo bisogno di un amico.

– 9 mucche e 1 capo di mucca.

– Se i cambiamenti avvengono dipende dalla mente e dalla vista delle persone.

– E’ difficile riconoscere un gatto nero in una stanza buia soprattutto quando il gatto non c’è.

– Il vaso vale per ciò che può contenere.

– Salire su un terreno solido.

– Nulla rimane permanente nel mondo, il cambiamento è solo il fatto eterno.

– Per la pietra che è stata scagliata in alto non è un male cadere sulla testa di chi l’ha scagliata.

– Il Maestro apre la porta, ma tu devi entrare da solo.

– Guardare l’oceano e singhiozzare.

– La crescita di un’impresa non è diversa dall’auto-miglioramento degli esseri umani.

– Basta poco per rimproverare un uomo, ma occorre molto tempo per dimenticare un rimprovero.

– La vita ha due regole: la prima è non arrendersi mai. La seconda è non dimenticarsi mai della prima.

– La rana in fondo al pozzo e l’oceano.

– Per condurre una vita significativa, bisogna costruire la fiducia con gli altri.

– La medesima acqua può sostenere o affondare una nave.

– Se il tuo lume brilla più degli altri siine felice ma non spegnere mai il lume degli altri per far brillare il tuo.

– Separare cielo e terra, e creare l’universo.

– Un chicco di riso nel granaio imperiale.

– Quando una spada ben affilata è sospesa sulla sua testa, l’uomo si ricorda degli dei.

– Vedersi la serpe nella tazza.

– Aspettare conigli al ceppo.

– Ciò che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.

– Quando vogliono gli dei, anche con il sole si ha la pioggia.

– Uccidere la gallina per prendere le uova.

– Ovunque si festeggia insieme.

– Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita.

– Quando un uomo governa il popolo deve comportarsi come se stesse adorando gli dei.

– La volpe sfrutta la potenza della tigre.

– Tre yang fanno cominciare l’anno.

– Se c’è un rimedio, perché te la prendi? E se non c’è un rimedio, perché te la prendi?

– Cento uomini possono creare un accampamento, ma serve una donna per fare una casa.

– L’autunno segue il passo della primavera.

– E’ preferibile continuare a vivere da brutto che morire da bello.

– Vi sono due cose durevoli che possiamo sperare di lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali.

– Sventolare il cuscino e scaldare la trapunta.

– Un singolo fiocco di neve può piegare una faglia di bambù.

– Un solo granello di feci di topo può rovinare un’intera padella di riso.

– Un uomo troppo buono è come un muro di sola terra.

– Riuscire a spostare metallo e pietre.

– Ciò che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.

– Se la corda è lunga l’aquilone volerà in alto.

– Ci sono tre verità: la mia verità. la tua verità, e la verità.

– Essere così felice da non pensare a Shu.

– Il nemico del tuo nemico è tuo amico.

– Fai un passo falso oggi e cento vite non basteranno a redimerti.

– In due menti su qualcosa.

– Donare del carbone durante una nevicata.

– L’uomo superiore comprende ciò che è giusto. L’uomo inferiore comprende soltanto ciò che gli sarà utile.

– Un fabbricante di idoli non è mai un idolatra.

– Tre uomini fanno una tigre.

– Il vino scioglie i segreti.

– Se una disputa va per le lunghe, significa che tutti e due i contendenti hanno torto.

– Tapparsi le orecchie mentre si ruba la campana.

– Le stagioni non si inchinano davanti a nessuno, nemmeno davanti all’imperatore.

– Il gatto desidera i pesci, ma non vuol bagnarsi le zampe.

– Se non sono stolti, allora sono imbroglioni.

– Tigre accovacciata, drago nascosto.

– C’è un tempo per pescare e un tempo per asciugare le reti.

– Se non esistessero gli stupidi non si distinguerebbero i saggi.

– Abbandonare il focolare famigliare e crearne un altro.

– Un nano in mezzo ad altri nani ha una statura dignitosa.

– Per costruire un impero l’uomo impiega cent’anni; per distruggerlo gli basta un giorno.

– Una capanna dove si ride è meglio di un palazzo dove si piange.

– Vendere lance e scudi.

– Tirare i germogli per farli crescere.

– Chi torna da un viaggio non è mai la stessa persona che è partita.

– A ogni singolo filo d’erba è destinata almeno una goccia di rugiada.

– Tutto in una mente.

– Il vecchio del confine che perse il cavallo.

– Un sorriso ti farà guadagnare più di dieci anni della vita.

– Quando una freccia è incoccata sull’arco, prima o poi bisogna scoccarla.

– Distinguersi dalla folla.

– Rendersi ridicoli davanti a chi ha conoscenza.

– Chiamar le cose con il loro nome è l’inizio della saggezza.

– Purtroppo sono più numerosi gli uomini che costruiscono muri di quelli che costruiscono ponti.

– Suonare il liuto per una mucca.

– Testa di tigre, coda di serpente.

– Accada quel che accada, anche il sole del giorno peggiore tramonta.