Proverbi sardi: detti e modi di dire

Selezione di proverbi sardi, detti e modi di dire più usati in Sardegna, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

proverbi sardi

Proverbi sardi

– Bestidu, su bastone paret unu barone. (Vestito, anche un bastone sembra un barone)

– Narat bene se diciu. (Dice bene il proverbio)

– Sa campana jamat sos ateros a cheja et ipsa non b’intrat mai. (La campana chiama gli altri a chiesa ed essa non vi entra mai)

– Su non trabagliare est causa de milli vizios. (Il non lavorare è motivo di mille mali)

– Si cheres ammasettare lea muzere: naraiat unu a su mare. (Se vuoi diventar mansueto prendi moglie: diceva uno al mare)

– Su mundu est tundu, e chie non ischit navigare falat a fundu. (Il mondo è tondo e chi non sa navigare cala a fondo)

– S’avaru non faghet bene si non quando morit. (L’avaro fa del bene solo quando muore)

– Su male remedialu cand’est minore. (Al male rimediate quando è piccolo)

– Si ti queres sanu, faedda pagu. (Se vuoi restare incolume, parla poco)

– Qui non pagat in lagrimas, pagat in suspiros. (Chi non paga in lacrime, paga in sospiri)

– S’arvure adderèctala dai minore, da qui faghet nodu non adderectat plus. (Raddrizzate l’albero quando è piccolo, dopo che mette nodo non c’è più tempo)

– Linu muzzu, tela longa. (Lino corto tela lunga)

– Pius balet s’esperientia qui non sa scientia. (Più vale l’esperienza che non la scienza)

– Su dinari non faghet lege. (Il denaro non fa legge)

– Abba in su pistone pista, abba est, et abba s’istat. (L’acqua pestata nel suo mortaio, acqua è, e acqua resta)

– Su dinari azzegat s’homine. (Il denaro acceca l’uomo)

– Andai a mari e non agattai mancu acqua. (Andare al mare e non trovare nemmeno acqua)

– Cosa de duos cosa de niunu: cosa de tres de totu su mundu est. (Cosa di due è di nessuno: cosa di tre è di tutto il mondo)

– Sa domo est minore, su coro est mannu. (La casa è piccola, il cuore è grande)

– Sos males anzenos sunt leziones pro nois. (I mali altrui sono di lezione per noi)

– Mezus bastonadas de amigu chi non lusingas de inimigu. (Meglio avere bastonate dall’amico che lusinghe dal nemico)

– Sos maccos e sos pizzinnos narat sa veridade. (Matti e bambini dicono la verità)

– Cum sos mannos ista coment et in su fogu: non tantu accurzu, non tantu alluntanu. (Con i potenti comportati come col fuoco: non molto vicino e non molto lontano)

– S’jerru non istat in chelu. (L’inverno non sta nel cielo)

– Su macchine hat trinta sex genias, et ognunu tenet su pagu sou. (La pazzia è di trentasei specie, ed ognuno ha il suo poco)

– Senza dinari non si cantat missa. (Senza denaro non si canta messa)

– Dai sa die qui prestas has unu inimigu de pius. (Dal giorno che fai un prestito, hai un nemico in più)

– S’avaru cum sos poveros est che i su lupu cum sos anzones. (L’avaro con i poveri è come il lupo con gli agnelli)

– Mezus fertu de balla, qui non de machine. (Meglio colpito da pallottola, che da pazzia)

– S’abba ogni cosa nd’andat, foras su machine. (L’acqua leva ogni cosa, salvo la pazzia)

– Mezus terra senza pane, que terra senza justitia. (Meglio terra senza pane che terra senza giustizia)

– Sa muzere de su ladrone non riet semper. (La moglie del ladro non ride sempre)

– Sas cabras andant da in puncta in puncta, sos cascos dai bucca in bucca. (Le capre vanno di cima in cima, gli sbadigli di bocca in bocca)

– Sa femina est che i sa mela, fora bella, e intro punta. (La donna è come la mela, fuori bella e dentro bacata)

– Chie disizat sa morte est unu vile, chie la timet est pejus. (Chi desidera la morte è un vile, chi la teme è peggio)

– Su chi ischit su foghile, chi non l’iscat su giannile. (Quello che si dice in casa non devono saperlo fuori)

– Bestidu, su bastone paret unu barone. (Vestito, anche un bastone sembra un barone)

– Sa femina arrogante isbirgonzat su maridu. (La donna arrogante svergogna il marito)

– Sa campana jamat sos ateros a cheja et ipsa non b’intrat mai. (La campana chiama gli altri a chiesa ed essa non vi entra mai)

– Sa cosa pius difficile est a connoscher a isse e totu. (La cosa piu’ difficile è conoscere se stessi)

– Si cheres ammasettare lea muzere: naraiat unu a su mare. (Se vuoi diventar mansueto prendi moglie: diceva uno al mare)

– Pro su dinari nissunu narat basta. (Al denaro nessuno dice basta)

– S’avaru non faghet bene si non quando morit. (L’avaro fa del bene solo quando muore)

– Nen cum Santos nen cum maccos non servit bugliare. (Non si scherza né con i santi né con i pazzi)

– Si ti queres sanu, faedda pagu. (Se vuoi restare incolume, parla poco)

– Jaganu semper et preideru mai. (Sempre chierico e mai prete)

– S’arvure adderèctala dai minore, da qui faghet nodu non adderectat plus. (Raddrizzate l’albero quando è piccolo, dopo che mette nodo non c’è più tempo)

– Su traballu fattu cum coru, est aggradessiu a Deusu. (Il lavoro fatto con il cuore è gradito a Dio)

– Pius balet s’esperientia qui non sa scientia. (Più vale l’esperienza che non la scienza)

– In su bonu cum totu, in su malu cum nissune. (Nel bene con tutti, nel male con nessuno)

– Abba in su pistone pista, abba est, et abba s’istat. (L’acqua pestata nel suo mortaio, acqua è, e acqua resta)

– Muzere bella, maridu corrudu. (Moglie bella, marito cornuto)

– Andai a mari e non agattai mancu acqua. (Andare al mare e non trovare nemmeno acqua)

– Morte de frades creschimentu de benes. (Morte dei fratelli aumento di beni)

– Ascutta sorga po intendi nura. (Ascolta la suocera per intendere la nuora)

– Su molenti sardu du frigas una botta scetti. (Il somaro sardo lo freghi una volta sola)

– De homine codditortu et de femmina basa mattoni, guardadinde. (Guardati dall’uomo dal collo storto e dalla donna che bacia mattoni)

– In domu ‘e su ferreri schidone ‘e linna. (In casa del fabbro spiedo di legno)

– Chie hat pius ricchesas hat pius pensamentos. (Chi ha più ricchezze ha più pensieri)

– Domos prò habitare, e binza prò mandigare. (Casa per abitare, e vigna per mangiare)

– Is dis bonas si stugiant po is malas. (Le belle giornate si conservano per le cattive)

– Giustissia chi falta, giustissia de balla. (Giustizia che manca, giustizia di pallottola)

– Chentu concas, chentu berrittas. (Cento teste, cento modi di pensare)

– Plus balet unu bonu bighinadu, qui non unu malu parentadu. (Vale più un buon vicinato che un cattivo parentato)

– So fuidu dai su fumu, et rutu que so in su fogu. (Sono fuggito dal fumo e sono caduto nel fuoco)

– Inue non penetrat sa femina, mancu su diaulu. (Dove non arriva la donna non arriva neanche il diavolo)

– Mutos de cara, non perdent amistade. (Parole dette in faccia non perdono amicizia)

– Amigu de s’inimigu meu, non est amigu meu. (Amico del mio nemico non è mio amico)

– Sas disgratias si afferrant cum sa fortalesa, et si binchent cum sa patientia. (Le disgrazie si combattono con la fortezza, e si vincono con la pazienza)

– Qui non queret intender non narat. Et si bides faghedi cegu. (Chi non vuol sentire non parla, e se vedete fatevi cieco)

– Chini sezzidi in cuaddu allenu, ndi calada candu non bolidi. (Chi monta un cavallo altrui, deve scendere quando non vuole)

– Homine longu, homine locu. (Uomo alto, uomo scemo)

– In corpu de unu monte si podet intrare, in coro de unu homine no. (Nell’interno di un monte si può entrare, nel cuore di un uomo no)

– Femina risulana, o est macca o est vana. (Donna che ride sempre, o è pazza, o è vanitosa)

– Mellus fillu de fortuna che fillu de gurrei. (Meglio figlio della fortuna che figlio del re)

– Chie faghe trinta non semper faghe trintunu. (Chi fa trenta non sempre fa trentuno)

– Qui hat coverture de bidru non bettet pedra a domo anzena. (Chi ha la testa di vetro non scagli pietra nella casa altrui)

– De milli amigos, non sinde incontrat unu fidele. (Di mille amici non se ne trova uno fedele)

– In tempus de gherra, faulas fino a terra. (In tempo di guerra, bugie fino a terra)

– Cum Deus et cum su Re pagas paraulas. (Con Dio e con il Sovrano poche parole)

– Sa pedra lodrurana no pone mai lana. (Il masso che rottola non mette il muschio)

– Ad s’istranzu non l’abbaides sa bertula. (All’ospite non guadare mai la bisaccia)

– Deus serrada una ventana e oberridi una porta. (Dio chiude una finestra e apre una porta)

– Contra a Deus non andat niunu. (Contro Dio non va nessuno)

– Su cavuru narada mali de s’aligusta. (Il granchio parla male dell’aragosta)

– Andadu ses azu, torradu ses chibudda. (Sei andato aglio e sei ritornato cipolla)

– Mezus facci ruiu qui non cori nieddu. (Meglio arrossire dall’errore che esser nero nel cuore)

– Ogni hortulanu bandat sa ziodda sua. (Ogni ortolano vanta la sua cipolla)

– Consizare sos ignorantes, opera meritoria. (Consigliare agli ignoranti, è opera di carità)

– Homine jogadore, homine pedidore. (Uomo giocatore, uomo miserabile)

– De amigos est bonu a nd’haer finzas in domo de su diaulu. (E’ bene avere degli amici anche a casa del diavolo)

– Peccados de babbu et de mama, fizos los pianghent. (I peccati dei genitori li piangono i figli)

– Unu solu Deus est senza defetu. (Solo Dio è senza peccato)

– Caddu lanzu, musca meda. (Al cavallo magro molte mosche)

– Trabagliu continuu binchet ogni cosa. (Il lavoro assiduo vince ogni cosa)

– Bardadi de femina chi hat boghe de homine, e de homine chi hat boghe de femina. (Guardatevi dalla donna che ha voce di uomo, e dall’uomo che ha voce di donna)

– Sa cosa furada pagu durat, et comente est bennida gasi si qu’andat. (La cosa rubata poco dura, e come viene se ne va)

– Trunch’e figu, hastu’e figu. (Tronco di fico, ramo di fico)

– Quie la queret crua, quie la queret cocta. (Chi la vuole cruda chi la vuole cotta)

– Un anzone guastat totu su masone. (Una pecora marcia guasta tutto il gregge)

– Non morzat depitore, qui depidu non morit mai. (Non muoia debitore che il debito non muore mai)

– S’anima a Deus, su corpus ad sa terra, sos benes a quie restant. (L’anima a Dio, il corpo alla terra, i beni a quelli che restano)

– Su mundu est de chie lu cheret: su chelu de chie l’alcansat. (Il mondo è di chi lo vuole: il cielo di chi l’ottiene)

– Su maccu imparat su sabiu. (Il pazzo insegna al savio)

– Totu sos homines sunt homines. (Ogni uomo è uomo)

– Amare e non esser amadu, est tempus ingannadu. (Amare e non essere corrisposto, è tempo perso)

– Nen bella senza peccu, nen fea senza tractu. (Non c’è bella senza difetto, né brutta senza grazia)

– Ama si cheres essere amadu. (Ama se vuoi essere amato)

– Qui rigalu acceptat, libertade bendet. (Chi dono prende, libertà svende)

– Su dinari in ojos de medas, e in manu de pagos. (Il denaro è negli occhi di molti, e nelle mani di pochi)

– Nen faeddu senza ancu, ne pedde senza fiancu. (Né parola senza fallo, né parola senza fianco)

– Ogni herva tenet su valore sou, ma non lu conoschimus. (Ogni erba ha il suo valore ma non lo conosciamo)

– Tres cosas sunt reversas in su mundu, s’arveghe, s’ainu et i sa femina. (Tre cose sono testarde nel mondo, la pecora, l’asino e la donna)

– Su dolore pius duru est su morrer de famine. (Il dolore più forte è il morir di fame)

– Familia bona, donu de su chelu. (Famiglia buona è dono del cielo)