Proverbi marchigiani: detti e modi di dire

Selezione di proverbi marchigiani, detti e modi di dire più usati nelle Marche, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

proverbi marchigiani

Proverbi marchigiani

– Sci nasci purittu, morì anchi straccu. (Se nasci povero, muori anche stanco)

– Lassa stà se fece portà via la moje. (Lascia stare si fece portar via la moglie)

– Quanno parlà li quatrì, la veretà la fa zitti. (Quando parlano i soldi, la verità tace)

– I bordei s’arfànn d’pezza. (I bambini si rifanno di pezza)

– Co li denti mia ce magna più lu dentista che io. (Con i mie denti ci mangia più il dentista che io)

– Quant l’ost è tla porta, è segn ch’el vin è trist. (Quando l’oste sta sulla porta è segno che il suo vino è cattivo)

– Ne sa più un cojó a casa sua che cento saputi a casa d’ardri. (Sa più cose uno stupido in casa sua che cento saputelli in casa di altri)

– Cassa da mortu, vestitu che nun fa ‘na piega. (La cassa da morto è l’unico vestito che non fa pieghe)

– Meglio puzza’ de vi’ che d’ojo santo. (Meglio odorare di vino che di olio santo)

– Troppi galli a cantà, non se fa mai jornu. (Troppi galli a cantare,non si fa mai giorno)

– El male non s’agura mango ai cà. (Il male non si augura neanche ai cani)

– Quanno trona e lu monde d’Angona, pija li bovi e laôra. (Quando tuona sul monte di Ancona prendi i buoi e lavora)

– El Signore manna ‘l freddo secondo i panni. (Il Signore mette alla prova ciascuno secondo le sue capacità)

– Po tené lo gra che spica? Cuscì la jende che non dica. (Puoi impedire al grano di fare le spighe? Così alla gente di parlare)

– La donna e lo fòco va stuzzicati ‘gni pòco. (La donna e il fuoco vanno stuzzicati spesso)

– Un pezzo cure ‘l cà, un pezzo cure ‘l lepro. (Un po’ corre il cane, un po’ corre la lepre)

– El zzumàru carégia el vì e béve l’aqua. (L’asino trasporta vino e beve acqua)

– Joendù disordinata fa vecchiaia tribbulata. (Gioventù disordinata, vecchiaia tribolata)

– Nun fà del male, ché è peccado. Nun fà del bè, ché è spregado. (Non fare del male, perché è peccato. Non fare del bene, perché è sprecato)

– Chi paga andicipato adè matto o adè esardato. (Chi paga anticipato o è matto o esaltato)

– Chi magna e non invita se strusassa ogni molica. (Chi mangia e non invita, possa strozzarsi ad ogni mollica)

– Lo varbiere te fa’ vello, lo vi’ te fa guappo, la femmena te fa fesso. (Il barbiere ti fa bello, il vino ti fa guappo, la donna ti fa fesso)

– Sci nasci purittu te poi rricchi, sci nasci stupetu non poi guarì. (Se nasci povero puoi diventare ricco, ma se nasci stupido non puoi guarire)

– Li giovani va a gruppi, l’adulti a coppie, li vecchi sta soli. (I giovani vanno in gruppo, gli adulti a coppie, i vecchi restano soli)

– Invidia d’amigu è ‘l pègiu nemìgu. (L’invidia di un amico è il peggior nemico)

– Se casca ‘n signore s’è sbisciato, se casca ‘n poretto adè ‘mbriaco. (Se cade un signore vuol dire che è scivolato, se cade un poveretto vuol dire che è ubriaco)

– La vita è comme ‘na cipolla: più la sfogli più te fa piagne. (La vita è come una cipolla: più si allunga e più ti fa piangere)

– C’hai la testa pe’ spartì le ‘recchie. (Hai la testa solo per dividere le orecchie)

– Fiji ciuchi, guai ciuchi, fiji grossi, guai grossi, fiji spusati guai raddoppiati. (Figli piccoli guai piccoli, figli grandi guai grandi, figli sposati guai raddoppiati)

– Le cerque non fa le melarange. (Le querce non fanno le arance)

– Chi ha i dent, ‘en c’ha ‘l pan; chi ha ‘l sacc, ‘en c’ha ‘l gran. (Chi ha i denti, non ha il pane; chi ha il sacco, non ha il grano)

– Sème tutta ‘na gente, ma nën sèmë tutta ‘na mende. (Siamo tutti la stessa gente, ma non siamo tutti la stessa mente)

– De prepotendi ce n’è tre: chi non c’ha cosa, lu papa, lu rre. (Di prepotenti ce ne sono tre: chi non ha niente, il papa, il re)

– Su ‘sto monno dissestato lo ladro po’ fa’ causa a lo derubbato. (In questo mondo dissestato il ladro può far causa al derubato)

– L’uomo tra du dame fa la parte de lu salame!. (L’uomo tra due dame fa la parte del salame)

– L’amore adè lo più tenace de li malanni, po’ dura’ da dieci a novant’anni. (L’amore è più tenace dei malanni, può durare da dieci a novant’anni)

– Chi pija moje, pija guai chi no’ la pija no je manga mai. (Chi prende moglie prende guai, ma anche a chi non la prende i guai non mancano)

– A esse’ joeni se ‘mbara da vecchi. (Ad essere giovani si impara da vecchi)

– La donna mostra l’anni prima de colazio’, l’omo dopo cena. (La donna mostra gli anni prima di colazione, l’uomo dopo cena)

– Le bott del vin bon e i omm brèvi fnischn prest. (Le botti di vino buono e gli uomini bravi finiscon presto)

– Li fiji villitti se llea co’ li cingitti. (I figli belli nascono nelle famiglie povere)

– Quadrini e santidà: chi ce l’ha nu’ lo dice, chi lu dice nun ce l’ha. (Soldi e santità: chi li ha non lo dice, chi dice di averli non li ha)

– Lo vì fa tre mosse: jò la panza, su la testa, tra le cosse. (Il vino va in tre posti: nella pancia, sulla testa e tra le cosce)

– La modestia adè l’abbeto de lo talento. (La modestia è l’abito del talento)

– I quadrì manna l’acqua per l’insù. (I quattrini fanno andare l’acqua all’insù)

– Chi perde tembo versa lo vi’ jo lo mare. (Chi perde tempo versa il vino nel mare)

– ‘Gni cend’anni de storia, mille vergogne e ‘na gloria. (Ogni cent’anni di storia, mille vergogne e una gloria)

– Se te sposi ‘na donna vella te rocca a fa la sentinella. (Se ti sposi una donna bella devi fare la sentinella)

– E’ megghie a nasce fertenate che no figghie de re. (E’ meglio nascere fortunati che essere figli del re)

– Lu primu vicchiere serve pe’ leasse la sete,lu sicunnu pe’alegria, lu terzu pe’ piacere, lu quartu pe’ ‘mpriacasse. (Il primo bicchiere di vino per dissetarsi, il secondo per allegria, il terzo per piacere, il quarto per ubriacarsi)

– Vale più ‘na casetta e un core condendo che un palazzo pieno de vèndo. (Vale più una casetta e un cuore contento che un palazzo pieno di vento)

– Preti spretati, frati sfratati, amici armicàti e càvoje ariscaldati non fu màe buone. (Preti spretati, frati sfratati, amici riappacificati e cavoli riscaldati non sono mai buoni)

– Te po’ rricchì, divendà ‘n pascià, tanto puzzi sembre de carzolà. (Ti puoi arricchire, diventare una persona in vista, ma tanto puzzi sempre di calzolaio)

– A chiacarà nun zze sbùgia un còrnu. (Le chiacchiere non sbrogliano i problemi)

– Chi non vole vene a le vestie non vole vene mancu ali cristiani. (Chi non vuole bene alle bestie non vuole bene neanche alle persone)

– Amato mai sarrai, se a te solo penzerai. (Mai amato sarai, se solo a te penserai)

– Se sa do se nasce ma non se sa do se more. (Si sa come si nasce, invece non si sa come andrà a finire)

– Aecce sembre da fa’ adè ‘n segreto pe’ non invecchia. (Avere sempre da fare è un segreto per non invecchiare)

– Quanno te dice male, te muccica pure le pecore. (Quando ti va male, ti mordono pure le pecore)