Proverbi trentini: detti e modi di dire

Selezione di proverbi trentini, detti e modi di dire più usati in Trentino, comprensivi di traduzione in italiano, come testimonianza della saggezza del suo popolo.

proverbi trentino

Proverbi trentini

– L’aqua santa la fa ben tant poca che tanta. (L’acqua santa fa bene che sia poca o tanta)

– Pan e nus magnar di spus. (Pane e noci mangiare da sposi)

– Fà pecà tant chi roba che ci tegn la scala. (Fa peccato tanto chi ruba che chi gli tiene la scala)

– Baso de dòna varda che el te ‘ncoiòna. (Bacio di donna guarda che ti instupidisce)

– Se te voi savér la verità va dal più pìcol de la ca. (Se vuoi sapere la verità va dal più piccolo della casa)

– L’amor el fa far salti, la fam ancor pù alti. (L’amore fa fare salti, ma la fame ne fa fare di più alti)

– Meio n’aiuto che zinquanta consigli. (Meglio un aiuto che cinquanta consigli)

– La meio medizina l’è spetar che ‘l pasa. (La miglior medicina è aspettare che passi)

– L’è pù caro en no rabios che ‘n sì dispetos. (E’ meglio un no rabbioso che un sì dispettoso)

– Balar senza grumial l’è come magnar polenta senza sal. (Ballare senza grembiule è come mangiare polenta senza sale)

– Met en piocio ‘n la farina che ‘l crederà de èser deventà ‘n molinàr. (Metti un pidocchio nella farina che lui crederà di essere diventato un mugnaio)

– Le spazzadòre növe le spàzza sempro bèn. (Lo spazzino nuovo spazza sempre bene la neve)

– Parar via la néf e copar la zènt l’è misteri fati per gnènt. (Togliere la neve e uccidere sono cose inutili)

– Dòna mia soto ai linzòi, pare e mare en do che te vòi. (Donna mia sotto le lenzuola, padre e madre dove vuoi)

– Gropi, seradure e dòne, bisogna torli co le bone. (Con i nodi, le serrature e le donne bisogna aver pazienza)

– El pra’ fa’ la vaca e la vaca fa ‘l pra’. (Il prato fa la vacca e la vacca fa il prato)

– Pane, vin e zoca, e lasa che el fioca. (Pane, vino e un bel caminetto accesso. E lascia pure che fuori nevichi)

– Fidete dela vòlp e anca del tass, ma no fidarte de le dòne dal cul bass. (Puoi fidarti della volpe e anche del tasso, ma non delle donne col sedere basso)

– Done, ani e biceri no se i conta mai. (Donne, anni e bicchieri non si contano mai)

– Chi g’ha braga paga, chi g’ha vesta gode la festa. (Chi ha le braghe paga, chi ha la veste gode la festa)

– A le dòne e a le scale no se ghe gira mai le spale. (Alle donne e alle scale è preferibile non voltare mai le spalle)

– El gal l’è l’oroloi del contadin. (Il gallo è la sveglia del contadino)

– La coscienza l’ei come le gatìzole: che che ghe n’ha e chi no ghe n’ha. (La coscienza è come il solletico: c’è chi ce l’ha e chi non ce l’ha)

– El temp, el cul e i siori i fa quel che i vol lori. (Il tempo, il sedere e i ricchi fanno ciò che vogliono)

– A ròbar ghe vol scarpe da ladro. (A rubare ci vogliono scarpe da ladro)

– Ca’ senza om, car senza timon. (Casa senza uomo, carro senza timone)

– Bisògn mòver el cùl se se vòl vederfat qualcòs. (Bisogna muovere il culo se si vuole veder fatto qualcosa)

– Vèdova inamorada, tèmp de poca durada. (Vedova innamorata, ha poca durata)

– Co le ciacere non se paga nesun. (Con le chiacchiere non si paga nessuno)

– Con en po’ de bale e en po’ de verità se tèn en pè la cà. (Con un po’ di balle e un po’ di verità si tiene in piedi la casa)

– La polenta cruva e la dona nuda le e’ la rovina de l’om. (La polenta cruda e la donna nuda sono la rovina dell’uomo)

– Val de pù en gran de pèver che en stronz de asem. (Vale di più un grano di pepe che una cacca d’asino)

– Vendro arivada, stimana guadagnada. (Venerdì arrivato, settimana finita)

– Con gnènt no se fa gnènt. (Con niente non si fa niente)

– Val pu un che lavora che zento che comanda. (Vale più uno che lavora che cento che comandano)

– Chi arte no sa far botéga sèra. (Chi non sa fare il proprio lavoro chiude bottega)

– La dona l’e’ come ‘l temp: la cambia a ogni moment. (La donna è come il tempo: cambia a ogni momento)

– El fisco l’è come ‘l cagn: se no ‘l morde ancoi el morde doman. (Il fisco è come il cane: se non morde oggi, morde domani)

– El temp, el cul e i siori i fa quel che i vol lori. (Il tempo, il sedere e i ricchi fanno ciò che vogliono)

– Chi te loda en facia te sgrifa drè ala schena. (Chi ti loda in faccia, ti graffia dietro la schiena)

– En casa strenzi, en viazo spendi, en malatia spandi. (In casa risparmi, in viaggio spendi, in malattia spandi)

– L’emprometer l’è fradel del mal atender. (Il promettere è fratello del non mantenere)

– Se ti vol patìr le pene dell’inferno, Trento d’estate, Feltre d’inverno. (Se vuoi patire le pene dell’inferno, Trento d’estate, Feltre d’inverno)

– Chi che ròba poc i và ‘n galera, chi che ròba tant i fa cariera. (Chi ruba poca va in galera, chi ruba molto fa carriera)

– Ogni paes gh’a la so usanza, ogni bonigol gh’a la so panza. (Ogni paese ha la sua usanza, ogni ombelico ha la sua panza)

– Chi g’ha tort ziga più fort. (Chi ha torto urla più forte)

– El temp dei ne’spoi el ven per tuti. (Il tempo delle nespole viene per tutti)

– A’n bom soldà ogni arma ghe fa. (A un bravo soldato ogni arma va bene)