Agrifoglio: significato, proprietà, infuso

Significato agrifoglio, definizione dell’albero le cui foglie possono avere proprietà benefiche se usate per preparare infusi e tisane, descrizione dei modi d’impiego.

descrizione agrifoglio
descrizione agrifoglio

Proprietà dell’agrifoglio

Si tratta di un albero sempreverde con foglie coriacee, a margine spinoso.

I fiori si trovano raccolti presso l’ascella delle foglie e comprendono 4 sepali saldati alla base e 4 petali bianchi.

La droga è formata dalle foglie la cui raccolta può avvenire in qualsiasi periodo dell’anno.

L’agrifoglio è una pianta che ha la caratteristica di crescere spontaneamente in luoghi umidi non troppo caldi.

Viene usata tradizionalmente come pianta ornamentale e per realizzare decorazioni natalizie.

Tra le proprietà benefiche si distingue l’azione calmante che riesce ad esercitare nell’organismo per quanto riguarda le digestioni difficili e i dolori dello stomaco.

L’infuso di foglie è indicato per combattere il catarro bronchiale cronico e per la sua azione contro la febbre.

Tra i principali modi di impiego va ricordado l’infuso o decotto di foglie fresche o secche, considerando da 30 a 60 grammi per ogni litro d’acqua, da bere nel quantitativo di due o tre tazze al giorno.

La polvere ottenuta dalle foglie si presta invece all’utilizzo come tisana nel quantitativo di circa sette grammi per una tazza di tisana.

Le bacche possono essere fatte macerare per circa dodici ore, considerando un dosaggio di dieci bacche ogni cento grammi di acqua.