Ustica: cosa vedere nella riserva marina

Cosa vedere e cosa fare a Ustica, itinerario di un giorno alla scoperta dell’isola, comprendente i principali luoghi di interesse della riserva naturale marina.

Isola di Ustica

Turismo Ustica

Situata nel Mar Tirreno, a circa 67 Km a nord ovest di Palermo, l’isola di Ustica è di origine vulcanica e corrisponde alla parte emersa di un edificio vulcanico sottomarino.

Per il particolare ambiente sottomarino del mare che la circonda e per la ricchezza archeologica, Ustica è stata dichiarata riserva naturale marina protetta.

La natura vulcanica di Ustica, è testimoniata dalle rocce laviche di colore nero intenso e dalle coste alte e dirupate, oltre che dal territorio sviluppato in tre grandi terrazzi naturali.

Al centro dell’isola si elevano gli antichi coni vulcanici del Monte Guardia dei Turchi (248 m.), del Monte Costa del Fallo (234 m.) e nella parte nord orientale, a picco sul mare, il promontorio della Falconiera (175 m.).

Nonostante il nome Ustica derivi dal latino Ustum, che significa bruciato, l’isola di Ustica ha un paesaggio costituito da varie specie vegetali e da coltivazioni di lenticchie, viti, ulivi, agrumi e fichi d’india.

L’isola di Ustica fu abitata fin dall’era paleolitica, i vari reperti archeologici, rinvenuti sulla terra e nei fondali marini, testimoniano il passaggio degli antichi popoli del mediterraneo, tra cui fenici, greci, cartaginesi e romani.

Dopo la caduta dell’impero romano e un periodo di abbandono, vi si stabilirono nel sesto secolo i monaci Benedettini ma, a causa delle continue scorrerie dei pirati, furono costretti ad abbandonare l’isola.

Nella seconda metà del 1700, al tempo dei Borboni, furono costruite due torri di avvistamento, delle fortificazioni, delle cisterne e delle case che formarono il primo centro abitato a Cala Santa Maria e che servirono ad accogliere le famiglie di coloni e pescatori provenienti dalle isole Eolie, oltre a qualche artigiano proveniente da Trapani e Palermo.

L’isola di Ustica offre la possibilità di fare piacevoli escursioni nella natura.

Itinerari molto interessanti sono quello archeologico della Rocca della Falconiera e quello panoramico al Monte Guardia dei Turchi, il punto più alto dell’isola.

E’ possibile ammirare il caratteristico ambiente costiero attraverso i percorsi subacquei di superficie alla Grotta Azzurra, alla Grotta Pastizza e dell’Accademia, alla Grotta Verde, a Cala Sidoti, alla Piscina Naturale di Punta Cavazzi, alla Grotta delle Barche, a Cala Madonna, il Carruggio, i Faraglioni e alla Grotta dell’Oro.