Scopa d’assi: punteggio, strategia e regole

Come giocare a scopa d’assi, differenze con la scopa classica e cosa vuol dire fare una napoletana, svolgimento, punteggio e regole del gioco.

scopa assi

Giocatori

La scopa d’assi si può giocare in due o in quattro persone. Nel secondo caso si formeranno due coppie e i componenti di ciascuna coppia si siederanno uno di fronte all’altro.

Punteggio

Ai fini del punteggio la maggiore differenza fra scopa d’assi e scopa classica, consiste nel raccogliere tutte le carte di ori (danari o quadri), a partire dall’asso fino al re. Questo è detto in gergo “fare napola” o “napoletana”. A fine partita ogni carta di danari o quadri vale un punto.

Affinchè la “napola” abbia valore è fondamentale che ci siano l’asso, il 2 e il 3, in questo caso la napola vale 3 punti, poiché una scala completa dal quattro in su non ha nessun valore se manca solo l’asso, o solo il due, o solo il tre.

Tenendo presente questo, la napola può dare un minimo di 3 punti ed un massimo di 10, a seconda di quante carte di danari o quadri sono presenti nel mazzo. Il settebello, ossia il 7 di danari o di quadri, vale un punto.

Anche la scopa si fa nella maniera classica, cioè prendendo con una delle carte che si hanno in mano, tutte quelle che si trovano sul tavolo. Sempre uguale alla scopa classica è l’assegnazione di un punto a chi ha raccolto nel corso della partita almeno sei ori ed anche a chi ha almeno ventun carte. Se gli ori e le carte sono equamente divisi fra gli avversari, si dirà che hanno “pattato” o sono andati a pari. Il punto non viene quindi assegnato.

Svolgimento

La differenza principale tra la scopa classica e la scopa d’assi sta nel valore e nella funzione che vengono dati all’asso. Con l’asso è possibile prendere tutto quello che si trova sul tavolo, a condizione però, che su di esso non sia già presente un asso, allora non rimane che prendere quello, oppure si può decidere di tenere l’asso e giocarlo in un momento migliore, quando per esempio vogliamo impedire che l’avversario faccia scopa.

Quando viene giocato un asso si può verificare che in tavola ci sia solo un asso e allora si prende l’asso e si fa scopa, mentre se non ci sono assi in tavola e con il nostro asso prendiamo tutte le carte, questa presa non è considerata come scopa.