Lago Tana: monasteri, cascate Nilo Azzurro, Bahir Dar Etiopia

Nello scenario delle austere montagne dell’Etiopia, il Lago Tana è una meta interessante da scoprire, per gli antichi monasteri e le imponenti cascate che il Nilo Azzurro forma poco lontano, un ambiente naturale di grande interesse paesaggistico.

lago tana nilo azzurro
lago tana nilo azzurro

Lago Tana regione di Amhara Etiopia

Questo lago, di origine vulcanica, è il più vasto dell’Etiopia e si trova a 1800 metri di altitudine nella parte centrale della regione degli Amara, in corrispondenza del settore nord-occidentale dell’acrocoro etiopico, un complesso di montagne che interessa Etiopia, Eritrea e Somalia, le cui vette hanno altezze comprese tra 1500 e 4500 metri.

Le sue acque, discendenti dal Monte Giesc, costituiscono la sorgente del Nilo Azzurro, il fiume che qualche km più a sud forma imponenti cascate creando un suggestivo ambiente naturale.

I pescatori con le loro tradizionali barche di papiro solcano il lago, popolato da varie specie di uccelli stanziali e migratori.

Sulla sponda meridionale si trova l’unica vera città del lago Tana, Bahir Dar, progettata dai missionari gesuiti nel XVI-XVII secolo e il cui nome significa vicino all’acqua.

A Bahir Dar si trova un aereoporto con rotte per Addis Abeba e Gondar, nelle vicinanze è possibile vedere uno dei palazzi appartenuti a Hailé Selassié, antico imperatore etiope che avrebbe voluto spostare qui la capitale.

Sulla superficie del lago sorgono ben 37 isole, dove abbondano chiese ed antichi monasteri, custodi di preziose testimonianze artistiche.

Molti Monasteri sono risalenti alla fine del XVI secolo o all’inizio del XVII secolo, ma la maggior parte sono ancora più antichi.

Tra i monasteri più suggestivi si evidenziano Ura Kidane Mihret, Kebran Gabriel, Dega Estefanos e Narga Selassie.

Ti consigliamo

Dritte del giorno