Gualdo Tadino: cosa vedere nell’antica Tadinum

Cosa vedere a Gualdo Tadino, itinerario comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse del borgo medievale, tra cui Rocca Flea, Cattederale di San Benedetto, Chiesa San Francesco, Pinacoteca e Chiesa di Santa Maria Madre di Dio.

Informazioni turistiche

Città dell’Umbria in provincia di Perugia, Gualdo Tadino fu in passato città romana col nome di Tadinum, nel medioevo crebbe intorno a un monastero benedettino assumendo il nome di Gualdo.

Successivamente divenne dominio longobardo e perugino, prima di passare alla Chiesa nel quindicesimo secolo.

Per quanto riguarda il periodo medievale rimangono una porzione del borgo, alcuni tratti di mura e notevoli monumenti, tra cui la Rocca Flea, ricostruita da Federico II nel tredicesimo secolo e ingrandita tra il quattordicesimo e il quindicesimo secolo, posta in posizione dominante rispetto all’abitato.

Il Duomo, dedicato a San Benedetto e risalente al tredicesimo secolo, si innalza sopra una scalinata ed è caratterizzato da una facciata gotica comprendente tre portali e un magnifico rosone.

Nell’interno a tre navate, rimaneggiato nel diciannovesimo secolo, si trova un notevole altare realizzato nel 1300.

Cosa vedere a Gualdo Tadino

La Chiesa di San Francesco, contraddistinta all’esterno da un magnifico portale ad arco trilobato che si apre nella facciata, è dotata di un interessante interno a navata unica, impreziosito con affreschi realizzati da Matteo da Gualdo nel quindicesimo secolo.

Nell’edificio è ospitata la Pinacoteca comunale, che conserva diverse opere d’arte, tra cui alcuni dipinti di Antonio da Fabriano e di Matteo da Gualdo, un Crocifisso su tavola duecentesco e un polittico eseguito nel 1471 da Alunno.

Nella Chiesa di Santa Maria Madre di Dio sono conservati un notevole trittico di Matteo da Gualdo e un Crocifisso in legno, entrambi quattrocenteschi.