Golfo Persico: quali sono i paesi, elenco, geografia

Dove si trova il Golfo Persico, importanza logistica strategica per la navigazione, stati interessati e città bagnate dalle sue acque, caratteristiche della costa e isole comprese nell’area.

Golfo Persico

Geografia del Golfo Persico

Il Golfo Persico è un golfo che fa parte dell’oceano Indiano, un’area di enorme importanza economica e strategica, dove gli interessi principali sono costituiti dal controllo delle grandissime riserve petrolifere e delle vie marittime utilizzate per il loro trasporto.

Gli stati bagnati da questo golfo sono Oman, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Qatar, Bahrain, Kuwait, Iraq e Iran.

La maggiori città che si affacciano sul golfo Persico sono Manama, Ras Tannura, Ahmadi e Abadan.

Le acque del mare, poco profonde, sono calme e piatte, con una temperatura gradevole ed un alto livello di salinità.

I suoi litorali ospitano piante di mangrovie e l’ambiente naturale è ricco di barriere coralline.

La costa si presenta bassa ed articolata sul litorale arabico, dove si trovano la penisola del Qatar ed alcune isole tra cui l’isola di Bahrain, e meno frastagliata sul litorale iraniano, dove alcune isolette fronteggiano la costa, tra cui le maggiori sono Qeshm e Kish, presso lo Stretto di Hormuz, al confine con il Golfo di Oman e quindi l’Oceano Indiano.

I porti principali che si affacciano sul Golfo Persico sono sulla costa iraniana e sono rispettivamente Bandar-e Abbas, Bandar-e Bushehr, Bandar-e Khomeini, Kuwait sul litorale arabico, Manama nell’isola di Bahrain, Abadan e Khorramshahr, Iran, e Bassora, Iraq, sullo Shatt al Arab, che corrisponde al nome del fiume nato dalla confluenza del Tigri e dell’Eufrate, a circa 60 km a monte di Bassora, prima di sfociare nel Golfo Persico.