Europa geografia fisica: clima, idrografia, vegetazione e fauna

Breve riassunto riguardante l’argomento Europa geografia fisica con introduzione a clima, idrografia, vegetazione e fauna.

geografia Europa
geografia Europa

Geografia Europa

L’Europa con l’Asia e l’Africa forma il continente antico.

Strettamente collegata con l’Asia, Eurasia, i due continenti non hanno una netta separazione geologica e geografica, ma devono la loro individualità soprattutto a motivi di ordine storico e umano.

Per tre lati il confine dell’Europa è marittimo ed è costituito dal Mar Glaciale Artico, dall’Oceano Atlantico e dal Mar Mediterraneo.

Ad oriente il suo confine convenzionale si sviluppa come segue: partendo dal Mar d’Azov segue il solco nel quale scorrono in senso opposto il fiume Manyc e il Kura, poi risale il fiume Ural e segue la base orientale dei Monti Urali fino al Mar di Kara.

L’area corrisponde a 10.396.247 circa Kmq, ed è pari alla quattordicesima parte delle terre emerse.

I punti estremi continentali dell’Europa sono a nord il Capo Nordkinn (Lapponia), a ovest il Capo da Roca in Portogallo, a sud la Punta de Tarifa inSpagna e a est il punto più interno del golfo di Kara.

L’europa è formata da una parte massiccia e da una parte articolata, composta da isole (8%) e da penisole (27%).Il suo contorno è molto frastagliato.

Geografia fisica Europa

L’europa è formata in prevalenza da bassopiani e vi si possono distinguere quattro regioni, il Bassopiano Sarmatico, che comprende la metà orientale dell’Europa, i Rilievi della Scandinavia e delle Isole Britanniche, i Rilievi della Francia e della Germania, e le Catene alpine dell’Europa meridionale.

Clima europeo

In Europa si possono distinguere sei tipi di clima:

Clima Atlantico, interessa il territorio dalla Norvegia settentrionale al Portogallo settentrionale, compreso le Isole Britanniche, gran parte della Francia, i Paesi Bassi, le coste occidentali della Danimarca, la Germania fino all’Oder.

Clima di transizione, interessa la Germania sud-orientale, la Polonia, il bacino superiore e medio del Danubio, i Paesi interni della penisola Balcanica e la Bulgaria.

Clima dell’Europa orientale, detto anche sarmatico, perché interessa gran parte del Bassopiano Sarmatico.

Clima pontico della Russia meridionale.

Clima mediterraneo, riguarda le regioni costiere della Crimea, Tracia, Grecia, Dalmazia, Italia, Francia meridionale e le zone periferiche della penisola iberica.

Clima artico, tipico delle regioni più settentrionali.

Idrografia

In Europa non scorrono corsi d’acqua molto lunghi, Volga 3.531 km., Danubio 2.860 km. Reno 1.326 km. Po 652 km, e non ha vasti bacini fluviali, e neanche un nodo idrografico centrale.

Prevalgono invece fiumi di pianura e di bacino, che si prestano ad essere risaliti da navi, come il Tamigi, la Senna, la Schelda ed il Reno.

La zona più ricca di laghi è quella circumbaltica, occupata da ghiacciai quaternari, nel distretto finnocarelico, con il laghi Ladoga ed Onega, ed in quello svedese.

Vasti laghi si trovano anche nella zona alpina, come il lago di Ginevra e quello di Costanza.

Vegetazione

Si distinguono da nord verso sud cinque fascie più o meno parallele:

Zona della Tundra, dove prevalgono arbusti non molto alti insieme a muschi e licheni.

Zona della foresta boreale, caratterizzata da conifere.

Zona della foresta temperata, con prevalenza di latifoglie, come farnia, quercia, faggio, castagno, olmo, acero.

Zona delle steppe, con estese praterie.

Zona della macchia mediterranea, con alberi e arbusti sempreverdi, rappresentati dal pino marittimo e quello d’Aleppo, il leccio, la quercia da sughero, il carrubo, il lentisco, oltre a ginestra, erica e mirto.

Fauna

Le varie regioni dell’Europa non hanno tutte una fauna tipica, dato i continui scambi avvenuti nel tempo, a parte alcune eccezioni, come le alci e le renne che vivono nelle regioni più settentrionali, il bisonte, che vive solo in Polonia, e il cinghiale, abbastanza comune in alcune zone dell’Europa centro-meridionale.

La fauna alpina ha una sua tipicità, fra suoi rappresentanti più noti, ci sono lo stambecco, il camoscio e la marmotta.