Dancalia (Etiopia): viaggio nella terra degli Afar

Informazioni per viaggi avventurosi in Dancalia, deserto di sale e caratteristiche della terra dove vive il popolo degli Afar, periodi migliori per andare.

deserto dancalia afar

Turismo Dancalia

Regione dell’Africa orientale estesa fra Etiopia, Eritrea e Gibuti, la Dancalia costituisce la parte settentrionale del triangolo di Afar, una vasta depressione formata da deserti di sale e lava, vulcani attivi e laghi salati, che delineano un paesaggio irreale, di grande fascino, molto interessante sotto l’aspetto geologico e antropologico.

Si tratta di uno dei luoghi più inaccessibili della terra, con temperature oltre i 40° C, un deserto di sale vasto 600 kmq, eredità di un cataclisma geologico avvenuto 80 mila anni fa, quando l’area era sommersa dal mare, scenario destinato a ripetersi al contrario in un arco di tempo lungo un milione di anni, quando il territorio sarà di nuovo oceano.

Questa è la terra dei mitici Afar o Dancali, un popolo temprato dalle difficoltà del territorio e del clima.

Sono pastori e allevatori che si spostano in base alle piogge e alla breve fertilità dei pascoli, vivono in villaggi solitari formati da capanne dalla forma emisferica, che si smontano e si trasportano facilmente, fatte con stuoie di foglie di palma.

Da millenni gli Afar allevano cammelli e vendono il sale ricavato dal suolo, dall’altopiano etiopico scendono con i cammelli in fila indiana, lungo i percorsi delle carovane del sale, fino alla Piana del Sale, che si trova oltre cento metri sotto il livello del mare, dove ci sono i lavoratori che estraggono e tagliano il sale, poi risalgono con i cammelli carichi di mattoni di sale da portare al mercato per essere venduti.

Poco più a sud della piana del Sale inizia la catena di vulcani Erta Ale, montagna che fuma, nella cui parte centrale sorge il vulcano che dà il nome alla catena, alto 613 metri e raggiungibile a piedi.

L’escursione inizia nel tardo pomeriggio, quando il sole è più indulgente, occorre portare molta acqua e tutto il necessario per passare una notte sulla cima dell’Erta Ale per ammirare lo spettacolo.

Visitare la Dancalia è un viaggio molto avventuroso e richiede molto spirito di adattamento, per l’alta pericolosità dell’area occorrono autisti e guide locali per viaggiare, oltre a una scorta armata.

I mesi idonei per visitare la Dancalia sono novembre, dicembre e gennaio.