Cuba: cosa vedere in 7 giorni, l’Avana

Cosa vedere a Cuba in 7 giorni, itinerario da percorrere durante una vacanza nell’isola per visitare i principali luoghi di interesse, tra cui L’Avana.

Paseo del prado, Havana - Cuba
Paseo del prado, Havana - Cuba

Turismo cuba

Potremmo iniziare dal Baracoa, la città più antica di Cuba rimasta abbastanza isolata fino agli anni sessanta, prima della costruzione della strada la Farola, a causa della foresta che la separa da Guantánamo.

Il significato del nome Baracoa indica il luogo delle acque ed è derivante dal fatto che nelle vicinanze si riuniscono le foci di alcuni fiumi tra cui Toa, Miel, Duaba e Yumuri.

L’economia della zona è prevalentemente agricola con coltivazione soprattutto di caffè, cacao, cocco e banane.

L’Avana è la capitale di Cuba, città caratterizzata da clima tropicale, con molte piogge nel periodo estivo.

Tra le cose da vedere in questa città rientra il Malecón, viale molto frequentato dai cubani che unisce i quartieri di Havana Vecchia, Havana Centro, Vedado e Miramar.

La Punta, che rappresenta il punto d’inizio del Paseo del Prado e il punto d’intersezione con il Malecón, è caratterizzata da una enorme presenza di Casas Particulares.

L’antica Università di Avana, con una storia ultracentenaria, è stata il fulcro del pensiero rivoluzionario.

A l’Havana Vecchia, dove si trovano molti edifici in stile coloniale spagnolo, si trovano vari palazzi, tra cui il palacio de los Marquéses de Aguas Claras e il palacio de los Capitanes Generales, oltre al Museo de la Revolución.

Nel centro storico della città si trovano il Paseo del Prado, che è la via centrale della città, il Capitolio Nacional, che ospitava il governo prima della rivoluzione, il teatro dell’Opera, l’Hotel Inglaterra e l’edificio Bacardi.

Più importante dal punto di vista turistico è il Quartiere del Vedado, che comprende l’hotel Habana Libre e la piazza della Rivoluzione.

Santiago di Cuba è la seconda città cubana per numero di abitanti e una delle più antiche dell’isola.

Da vedere il Castello di San Pedro de la Roca o Castillo del Morro, antica fortezza situata a sud-ovest in posizione dominante sulla omonima baia.

Oltre al castello meritano uno visita anche la Casa de Diego Velázquez, il Museo Municipal Bacardí e il Cementerio Santa Ifigenia, dove sono stati sepolti numerosi rivoluzionari, tra cui José Martí.

Continuando a visitare Cuba arriviamo a Bayamo, un comune in provincia di Granma che rappresenta il punto più a sud dell’isola.

Nel centro della cittadina si trova il Parque Céspedes, un bel giardino ombreggiato corredato di panchine e statue di Carlos Manuel de Céspedes e di Perucho Figueredo.

Nella zona sono compresi siti storici importanti tra cui il luogo dove fu assassinato José Martí.

L’Isola della Gioventù, scoperta da Cristoforo Colombo nel 1494 e dove fu imprigionato Fidel Castro dopo l’assalto al Moncada, ha un’attività economica fondata soprattutto sull’agricoltura, sulla pesca, sull’estrazione di marmo e sulla produzione di ceramica artistica.

Nelle grotte a Punta del Este si trovano pitture indiane, mentre sulla costa dei Pirati, vicino a punta Frances, sono consigliate, agli appassionati, le immersioni subacquee per ammirare la barriera corallina e le particolari specie di pesci colorati.

Camaguey è la più grande delle province di Cuba, estesa dal centro dell’isola verso oriente.

Il capoluogo è Camaguey, mentre altre località sono la Florida e Nuevitas.

Questa provincia è in gran parte pianeggiante, con spiagge di sabbia su entrambe le coste, m turismo sviluppato solo sulla spiaggia di Santa Lucia a nord.

L’economia della provincia di Camaguey è basata principalmente sull’allevamento di bovini e polli, oltre che sulla coltivazione di canna da zucchero e riso.

Gli abitanti hanno una cultura cowboy, con periodici rodei.

Ciego de Avila si trova sulla Carretera, autostrada centrale principale, mentre Moron è situata più a nord.

Al largo della costa si trovano una serie di cayos (isolotti), tra cui Cayo Coco e Cayo Guillermo, in forte espansione dal punto di vista turistico.

La costa meridionale di questa provincia è caratterizzata da mangrovie, mentre tra Moron e la costa settentrionale sono presenti numerosi laghi, tra cui La Laguna de Leche (Lago di latte) che è la maggiore di Cuba.

Viene allevato il bestiame e coltivati zucchero, ananas e agrumi.

Cienfuegos è la provincia più piccola di Cuba, con una economia quasi interamente dedicata alla coltivazione e alla lavorazione dello zucchero.

Nella capitale Havana city, che rappresenta uno dei simboli principali di Cuba, il Malecon è un luogo di incontro per i cittadini e una delle strade principali di collegamento tra le estremità della città.

Havana vecchia è il quartiere più antico di Cuba con edifici risalenti al sedicesimo secolo, che uniscono stili architettonici diversi tra cui barocco, art déco e art nouveau, molto ben conservati grazie ai restauri degli edifici effettuati a mano.

Miramar è un quartiere residenziale esteso lungo la costa occidentale di Havana, a partire dalla fine del Malecon fino ad arrivare alla Marina Hemingway.

In questo luogo si trovano numerose ambasciate, tra cui l’ambasciata russa con la sua particolare forma di torre.

Vedado è il cuore di Havana, situato tra il fiume Almendares e il centro di Avana.

Qui si concentrano gli uffici, le banche, alberghi di lusso, ristoranti, negozi, teatri e altri luoghi dedicati allo svago.

Granma è una delle province di Cuba con capoluogo Bayamo.

Altre centri sono Manzanillo, che è un porto sul Golfo di Guacanayabo e Pilon.

Il suo nome deriva dalla nave omonima, utilizzata da Ernesto Che Guevara e Fidel Castro per sbarcare a Cuba con diversi guerriglieri, per questo è presente un concentrato di ricordi della Rivoluzione cubana.

Guantanamo è la provincia più orientale di Cuba, che circonda l’importante base navale statunitense di Guantanamo Bay.

Il numero di immigrati provenienti da Jamaica è elevato e molti edifici ricordano quelli del quartiere francese di New Orleans, situato nello stato americano della Louisiana.

La costa settentrionale, battuta da venti dominanti, è la parte più umida del paese, mentre il sud, riparato e secco, è quella più calda.

Il nord è caratterizzato da foreste pluviali, mentre il sud è arido e ha molti cactus.

Holguin è una provincia situata nel sud-est del paese e le sue città principali comprendono Holguin, Banes, Antilla, Mayarí, e Moa.

La provincia ha una popolazione di poco più di un milione di persone, con un’economia si basata sulle coltivazioni di zucchero, mais e caffè.

A Moa si trova un grosso impianto di trasformazione di cobalto costruito con l’aiuto di cittadini stranieri in gran parte provenienti dal Canada.

Sono presenti inoltre giacimenti di cromo, nichel e ferro oltre ad acciaierie.

Il turismo si è cominciato a sviluppare recentemente e numerosi alberghi si trovano nella zona di Guardalavaca.

Isola della Gioventù è la più grande isola di Cuba, dove agricoltura e pesca costituiscono le risorse economiche principali.

Si tratta di una popolare destinazione turistica, con clima mite e numerose spiagge in località rinomate tra cui Bibijagua Beach.

Las Tunas è una delle province di Cuba, con la costa meridionale, posta sul Golfo de Guacanayabo, paludosa e caratterizzata da mangrovie e coltivazioni di canna da zucchero.

La provincia di Matanzas, conta varie cittadine tra cui Cardenas e Jovellanos oltre al capoluogo Matanzas.

Il territorio è in genere pianeggiante, con l’eccezione di Pan de Matanzas che si innalza per 380 metri sul livello del mare, mentre la costa meridionale è una grande zona paludosa.

Pinar del Río è una provincia che contiene una delle tre principali catene montuose, la Cordigliera de Guaniguanico, che rende il paesaggio caratterizzato da ripide colline calcaree e vallate fertili.

L’economia locale è quasi esclusivamente basata sulla coltivazione del tabacco, usato per produrre i famosi sigari cubani apprezzati in tutto il mondo le cui fabbriche rientrano in cosa vedere a Cuba.

Sancti Spiritus è un’altra importante provincia di Cuba, con capitale omonima e altra cittadina importante Trinidad.

Qui il turismo è abbastanza sviluppato, soprattutto intorno alla vecchia città di Trinidad, che ha decine di edifici coloniali e risale alla conquista spagnola nel 1500.

Santiago de Cuba è la seconda provincia più popolata dell’isola di Cuba.

Altri grandi centri, oltre al suo omonimo capoluogo, sono Palma Soriano, Contramaestre, Mayarí, San Luis e Songo-La Maya.

In questa provincia, pur essendoci molte risorse minerarie tra cui ferro e nichel, l’economia si basa per la maggior parte sull’agricoltura, che vede tra le maggiori coltivazioni quella delle banane, del cacao e del caffè.

Tutta la provincia di Santiago de Cuba è stata teatro di molte battaglie, durante la guerra per l’indipendenza e la Rivoluzione cubana del 1959.

Villa Clara è una delle province di Cuba e i suoi centri abitati principali da vedere sono il capoluogo Santa Clara, Sagua La Grande, Placetas, Camajuaní, Remedios e Caibarien.

Lungo la costa di Villa Clara si trovano molte barriere coralline e spiagge di sabbia.

Il punto più alto è Alturas, 464 metri di altitudine.

Nel territorio sono presenti numerosi laghi, utilizzati soprattutto per sport acquatici e pesca.