Axum: arca della Santa Alleanza in Etiopia, cosa vedere

Axum è una città dell’Etiopia settentrionale, situata nel Tigré, a circa 2100 metri s.l.m. ai piedi delle montagne di Adua. Ad Axum, antica capitale del regno axumita, a partire dal 400 a.C. fiorì un’importante civiltà che per quasi 10 secoli dominò i commerci fra Africa e Asia.

cappella arca dell'alleanza axum etiopia
cappella arca dell'alleanza axum etiopia

Cosa vedere ad Axum

Il suo ricco patrimonio archeologico comprende rovine databili tra il 1° e il 13° secolo, fra cui obelischi monolitici, gigantesche stele, tombe reali e rovine di antichi castelli, custodi di un mondo antico che ancora oggi non si è rivelato del tutto.

La storia tramanda che Saba, regina di Axum, avendo sentito parlare della saggezza di Salomone, si recò a Gerusalemme e dopo averlo conosciuto ne rimase affascinata. Dall’unione tra il re Salomone e la regina di Saba nacque Bayna-Lehkem, detto il figlio del Saggio, che diventerà Imperatore col nome di Menyelek I o Menelik, dando origine alla stirpe dei sovrani d’Etiopia.

Egli dopo essersi recato a Gerusalemme fece ritorno ad Axum con l’Arca dell’Alleanza, che secondo la tradizione etiope, è conservata nella chiesa di Santa Maria di Sion.

Si tratta di una cassa di legno d’acacia, rivestita completamente in oro, esterno e interno, che conteneva le Tavole di pietra con i dieci comandamenti, è sorvegliata da un sacerdote e portata in processione una volta l’anno avvolta in una coperta, perché nessuno può vederla.

Fra il ricco patrimonio archeologico di Axum spicca anche la Stele che, dopo essere stata trasferita a Roma nel 1937 dagli italiani come bottino di guerra, nel 2005 fu restituita al popolo etiope e nel 2008 fu riposizionata sulla sua terra d’origine. Axum fa parte dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco.

Dritte del giorno

Da non perdere