30 novembre: santo del giorno, onomastico



Il Santo del giorno 30 novembre è Sant’Andrea apostolo, quale onomastico si festeggia e altri santi che si celebrano in questa data.

Sant'Andrea, apostolo

Sant’Andrea apostolo

Andrea era uno dei dodici apostoli e rientra coloro che rimasero costantemente vicini a Gesù, durante tutto il periodo che va dal battesimo di Giovanni il Battista alla resurrezione.

Andrea nacque a Betsaida il 6 a.C. ma il suo nome, come del resto altri nomi greci, probabilmente non era il nome originario in quanto, nella tradizione ebraica, il nome Andrea appare solo a partire dal secondo secolo.

Era fratello dell’apostolo Pietro e come lui faceva di mestiere il pescatore a Cafarnao.

Lo storico Eusebio di Cesarea afferma che Andrea predicò il Vangelo in Asia Minore e nella Russia meridionale.

Successivamente, trasferitosi in Grecia, guidò i cristiani di Patrasso, dove subì, il 30 novembre del 60, il martirio per crocifissione che lo ridusse ad essere appeso con funi a testa in giù, con una forma che secondo la tradizione, sembrava una croce a forma di X, detta in seguito croce di Sant’Andrea.

Nel 357 i suoi resti vennero traslati a Costantinopoli ma la testa, con l’esclusione di un frammento, rimase a Patrasso.

Nel 1206, durante l’occupazione di Costantinopoli, il legato pontificio cardinale Capuano di Amalfi, trasferì le reliquie in Italia e nel 1208 gli amalfitani le accolsero solennemente nella cripta del loro Duomo.

Quando nel 1460 i Turchi invasero la Grecia, la testa di Andrea venne trasferita da Patrasso a Roma per essere custodita in San Pietro per i successivi cinque secoli, fino a quando Paolo VI, nel 1964, dispose la restituzione della reliquia alla Chiesa di Patrasso di cui Sant’Andrea diventò il patrono.

Altri santi e celebrazioni del 30 novembre