27 novembre: santo del giorno

Il Santo del giorno 27 novembre è San Virgilio di Salisburgo, quale onomastico si festeggia e altri santi che si celebrano in questa data.

San Virgilio di Salisburgo

San Virgilio di Salisburgo

Virgilio di Salisburgo nacque intorno al 700 da una famiglia di nobili irlandesi con il nome di Feirgil.

Nella sua vita fu abate di Aghabo, oltre che stimato geometra e astronomo.

Nel 743 circa abbandonò l’Irlanda per recarsi in Francia, dove venne accolto dal re Pipino il Breve.

Dopo due anni trascorsi a Cressy, vicino a Compiegne, si spostò in Baviera, invitato dal duca Odilone che lo nominò vescovo di Salisburgo nel 748.

Intraprese una lunga polemica con Bonifacio, che si occupava di evangelizzare la Germania, dal momento che un sacerdote, non conoscendo il latino, aveva battezzato un bambino usando una formula errata, dicendo in nome della patria anzichè in nome del Padre.

Per questo motivo Bonifacio annullò il battesimo, attirandosi le critiche di Virgilio, il quale dal canto suo considerava comunque valido il sacramento amministrato, ottenendo sull’argomento l’appoggio di Zaccaria.

Alcuni anni dopo, per vendicarsi, Bonifacio accusò Virgilio di istigare il duca Odilone contro di lui e di sostenere l’esistenza degli antipodi della Terra, ovvero di credere che, oltre all’emisfero boreale, esistesse anche quello australe, che si estendeva dalla linea dell’equatore fino all’Antartide, motivando le sue critiche con il fatto che tale teoria non era confermata dalle Scritture.

San Zaccaria non mancò di fornire il suo parere anche in riguardo a questa questione, inviando il 1 maggio 748 una lettera a Bonifacio dove diceva di cacciare Virgilio dalla Chiesa, revocandogli il sacerdozio, qualora avesse perseverato nell’intento di voler diffondere queste teorie nonostante una loro eventuale provata infondatezza.

Restando al di fuori di queste controversie il vescovo Virgilio continua la sua opera a Salisburgo volta particolarmente all’istruzione religiosa e al portare aiuto ai poveri servendosi del contributo dei monaci.

A Salisburgo fece costruire la cattedrale, come un centro di ritrovo stabile della comunità, dove venne sepolto quando morì il 27 novembre 784.

Trascorsi quattrocento anni circa dalla sua morte, dopo che la cattedrale era stata distrutta da un incendio, durante il lavoro di rimozione della macerie fu rinvenuta la sua bara.

In seguito a questo evento si ebbe la sensazione che Virgilio fosse appena morto, iniziarono allora a diffondersi voci relative a suoi presunti miracoli e la gente si radunava in preghiera, facendo tornare in primo piano la figura del vescovo di Salisburgo di cui veniva richiesta insistentemente la canonizzazione.

Nel 1230 fu dato il via al processo di santificazione, raccogliendo le testimonianze necessarie da inviare a Roma.

Fu Papa Gregorio IX che nel 1233 proclamò Santo il vescovo Virgilio e, successivamente, nel 1740, il suo nome sarà inserito ufficialmente nel Martirologio Romano.

Altri santi e celebrazioni del 27 novembre

  • Sant’ Acario di Noyon e Tournai
  • Vescovo

  • Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
  • Beato Bernardino da Fossa
  • Francescano

  • Santa Bililde
  • Duchessa

  • Beato Bronislao (Bronislaw) Kostkowski
  • Seminarista e martire

  • Sant’Eusicio (o Eusizio)
  • Eremita a Celles

  • Santi Facondo e Primitivo
  • Martiri in Galizia

  • San Fergus (Fergusto) il Pitto
  • Vescovo

  • San Giacomo l’Interciso (il Solitario)
  • Martire in Persia

  • San Gustavo (Gustano. Guistano)
  • Monaco benedettino

  • San Laverio
  • Martire a Grumento

  • San Massimo di Riez
  • Vescovo

  • San Siffredo di Carpentras
  • Vescovo

  • Beati Tommaso Koteda Kiuni e compagni
  • Martiri

  • San Valeriano di Aquileia
  • Vescovo