22 dicembre: santo del giorno, onomastico di oggi Santa Francesca Saverio Cabrini

Santa Francesca Saverio Cabrini

Il Santo del giorno 22 dicembre è Santa Francesca Saverio Cabrini, quale onomastico si festeggia e altri santi che si celebrano in questa data.

Il ventidue dicembre si festeggia Santa Francesca Saverio Cabrini

Nata e battezzata il 15 luglio 1850 a Sant’Angelo Lodigiano, in una famiglia molto credente e caritatevole, Francesca Saverio Cabrini, che era l’ultima di tredici figli, intraprese ben presto un cammino di fede cristiana.

L’ingresso nella “Casa della Provvidenza” di Codogno rappresentò una svolta decisiva nella sua vita, le tribolazioni e le difficoltà che dovette affrontare non fecero altro che consolidare nel suo intimo l’ardore missionario e il desiderio di votarsi completamente a Dio.

In quel luogo ricevette la veste religiosa e, successivamente, diplomata maestra elementare nel 1874, al suo nome Francesca volle aggiungere quello di Saverio, per ricordare il grande missionario gesuita patrono delle missioni.

Sostenuta e incoraggiata dal Vescovo di Lodi, Monsignor Domenico Maria Gelmini, Suor Francesca Saverio si staccò, insieme sette Consorelle, dalla Casa della Provvidenza per andare a fondare, presso un antico convento francescano cittadino, l’Istituto delle Salesiane Missionarie del Sacro Cuore, che ottenne l’approvazione ufficiale della diocesi nel 1881.

Madre Cabrini chiedeva alle sue religiose di ubbidire al Vangelo, orientando la propria vita alla mortificazione, alla rinuncia, alla vigilanza del cuore e al silenzio interiore.

L’istituto venne interessato dalla nascita di numerose vocazioni, che portò a una rapida espansione dell’Istituto in Lombardia e anche oltre i confini di quella regione, con l’apertura di altri luoghi religiosi di quel tipo a Roma.

Dopo otto anni, il 12 marzo 1888, si giunse all’approvazione pontificia delle “Missionarie del Sacro Cuore di Gesù” come ordine religioso.

Questa congregazione femminile fu la prima ad affrontare l’impegno missionario, che per tradizione era stata fino ad allora una prerogativa riservata solo al sesso maschile.

Con un gruppo di consorelle Madre Cabrini partì alla volta di New York, nel primo dei tanti viaggi che l’avrebbero in seguito vista raggiungere, messaggera di speranza, sempre nuove mete nel suo instancabile apostolato, tra cui il Nicaragua, il Brasile, l’Argentina, oltre alla Francia, alla Spagna e all’Inghilterra.

Con molto coraggio, Francesca Saverio Cabrini fece costruire dal nulla scuole, ospedali e orfanotrofi dedicati a masse di diseredati venuti in occidente a cercare lavoro e privi della conoscenza della lingua, oltre che di mezzi idonei a consentire loro un decoroso inserimento nella società e spesso vittime di persone senza scrupoli.

Aveva un cuore materno che non si dava mai pace, raggiungeva ovunque chi aveva bisogno, dalle carceri ai tuguri.

La fatica e le distanze non la intimorivano, Madre Cabrini viaggiava da New York al New Jersey, dalla Pennsylvania all’Illinois, dalla California alla Louisiana e al Colorado, inoltre fece ventotto traversate atlantiche e l’attraversamento delle Ande per raggiungere Buenos Aires con partenza da Panama.

Francesca Saverio Cabrini morì il 22 dicembre 1917 in viaggio a Chicago, il suo corpo venne trasportato trionfalmente a New York, nella chiesa annessa alla scuola che lei stessa aveva fondato, in modo che fosse vicino agli emigrati.

Negli Stati Uniti è viva ancora oggi la devozione verso questa Santa che, pur amando la sua patria d’origine, desiderò assumere nel 1909 la cittadinanza americana.

Venne beatificata da Papa Pio XI nel 1938, quando erano trascorsi appena 21 anni dalla sua morte, e fu canonizzata il 7 luglio 1946 dal Pontefice Pio XII.

Fu proprio Pio XII che, nell’Anno Santo del 1950, la proclamò “Patrona degli emigranti”, per difendere la dignità di coloro che erano costretti a vivere lontano dalla Patria.

Altri santi e celebrazioni del 22 dicembre

  • Santi Cheremone di Nilopoli e compagni
  • Martiri

  • Sant’ Ischirione di Alessandria
  • Martire

  • Santi Martiri di Rhaitu
  • Santi Martiri di Via Labicana
  • Beato Tommaso Holland
  • Sacerdote gesuita, martire

  • Sant’ Ungero di Utrecht
  • Vescovo