Vivara turismo: visitare l’isola nella riserva naturale statale

Visitare l’isola di Vivara, viaggio nello scenario della riserva naturale omonima, tra fiori, animali, resti archeologici e paesaggi di straordinaria bellezza.

Isola di Vivara

Vivara in breve

L’isolotto o isola di Vivara si trova all’estremità nord occidentale del Golfo di Napoli in Campania, poco distante da Ischia e collegato tramite un ponte pedonale a Procida.

Vivara è stata nominata Riserva Naturale dello Stato al fine di tutelare la bellezza della sua natura, il suo valore botanico, faunistico, archeologico e paesaggistico.

Il territorio dell’isola raggiunge la massima altezza, 110 m. s.l.m., nella parte centrale, digrada dolcemente verso nord e verso sud, ed è molto ripido e scosceso sul versante occidentale e su quello orientale. La costa si presenta, salvo alcuni punti, inaccessibile dal mare.

All’estremo nord, rivolta verso Procida si trova punta Capitello, all’estremo sud si trova punta Mezzogiorno.

Punta d’Alaca ad ovest si affaccia sul punto piu’ stretto del Canale d’Ischia, mentre La Carcara è il nome della costa orientale.

Dal punto di vista geologico, Vivara è un’isola è di origine vulcanica, la sua forma semicircolare rappresenta il margine occidentale dell’originario cratere vulcanico oggi sommerso, delimitato nella parte orientale dal promontorio di Santa Margherita nell’isola di Procida.

Il fondo del cratere e’ occupato dal Golfo di Genito, il tratto di mare che separa l’isola di Procida a quella di Vivara.

Sotto l’aspetto archeologico scavi effettuati a Punta Mezzogiorno hanno riportato alla luce materiali risalenti ad un abitato della prima fase dell’eta’ del Bronzo, che rappresenta l’insediamento piu’ antico dell’isola.

A Punta d’Alaca sono stati individuati resti collocabili tra la seconda meta’ del XVI sec. a.C. e la prima meta’ del XIV sec. a.C., inoltre ricerche sottomarine nel Golfo di Genito hanno rivelato tracce di popolamento, sprofondate intorno alla fine dello stesso periodo a circa 10 metri di profondità, probabilmente a causa dei fenomeni di bradisismo, infatti in epoca preistorica il Golfo di Genito era una distesa di sabbia e ciottoli totalmente emersa che collegava la Zona di Santa Margherita di Procida con l’area del cratere vivarese, e costituiva un punto di approdo all’isola.

Per i romani l’isola fu un luogo di caccia e le acque del Golfo di Genito un vivaio di pesci. Nel 1634 sull’isola si andava a caccia e nel 1681 fu costruita sul punto piu’ alto di Vivara una villa ed alcuni edifici colonici. Verso la meta’ del settecento, il re Carlo III di Napoli, fece di Vivara una sua riserva di caccia.

Nel 1818 Vivara fu ceduta come demanio pubblico al Comune di Procida, poi passo’ in mano a privati che attraverso lavori di terrazzamento introdussero coltivazioni di vigneti ed uliveti. Nel 1940 la proprieta’ dell’isola fu lasciata all’Ospedale di Procida, l’attuale proprietario.

Nel 1974 l’isola fu dichiarata Oasi di Protezione Naturale dalla regione Campania, successivamente il suo territorio fu sottoposto a vincolo archeologico. Dal 2002 Vivara e’ diventata Riserva Naturale Statale e sito di importanza comunitaria.

Dritte del giorno

Da non perdere