Bolzano: cosa vedere in un giorno, Duomo

Cosa vedere a Bolzano, itinerario di un giorno comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse, tra cui Duomo e funivie per salire alle cime più vicine.

Bolzano: duomo

Turismo Bolzano

Capoluogo dell’omonima provincia autonoma, Bolzano è situata a un’altitudine di 264 metri e occupa la parte orientale di una conca originata dall’incontro delle valli di Isarco, Sarentina e Adige.

Tre funivie collegano la città alle cime più vicine, mete escursionistiche molto apprezzate, superando un dislivello di ben mille metri.

La funivia del colle, sale al Monte Pozza con arrivo al Colle di Villa, la funivia del Renon, permette di raggiungere Soprabolzano, e la funivia di San Genesio, dal nome del paese che raggiunge, collega il centro con l’Altopiano del Salto.

Bolzano è una città molto animata anche dal punto di vista culturale, con vari musei e un interessante patrimonio architettonico e artistico, tra cui risalta la Cattedrale, dedicata a Santa Maria Assunta.

La costruzione del Duomo di Bolzano fu iniziata nell’undicesimo secolo, della primaria basilica sono rimaste solo le fondamenta, che possono essere viste all’interno.

L’esterno, ricostruito dopo essere stato in parte distrutto dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale, costituisce un notevole esempio di architettura gotica.

Il rivestimento, realizzato in marmo rosso della val Gardena e marmo giallo della Bassa Atesina, è decorato con balaustre e doccioni.

Avvicinandosi all’edificio proveniendo da Piazza Walther, è possible apprezzare la magnificenza del complesso, con tetto di colore verde-oro.

Il campanile, decorato con finestre ogivali e archi rampanti, poggia su una base quadrata di origine romanica, mentre il resto della costruzione risale al 1517, opera di Hanz Von Schussenried, celebre scalpellino svevo dell’epoca.

Sotto i portici del centro si affacciano negozi dalle vetrine invitanti e, nel periodo Natalizio, in piazza Walther si svolge il tradizionale mercatino di Natale.

Intorno alla città si distendono vigneti dalla produzione pregiata e s’innalzano magnifiche montagne, tra cui la catena della Mendola, l’Altopiano del Salto, il Monte Tondo, che è una cima minore del Renon, e il Monte Pozza.

Guardando verso oriente si notano le magnifiche montagne del Catinaccio con le Torri del Vajolet, che fanno parte delle Dolomiti.