Wallerstein: cosa vedere, Castello, Colonna della Peste

Cosa vedere a Wallerstein, itinerario comprendente i principali monumenti e luoghi d’interesse, tra cui Castello Vecchio, Castelletto Moritz e Colonna della Peste.

Wallerstein: colonna commemorativa della peste
Wallerstein: colonna commemorativa della peste

Turismo Wallerstein

Percorrendo la larga strada principale di questo paese, situato lungo la Via Romantica, è possibile intravedere già da lontano, appena dietro la chiesa parrocchiale, la slanciata colonna della Trinità, eretta in ricordo della peste.

Sul basamento, con scritture latine, s’innalza l’obelisco con i tre santi patroni degli appestati, Rocco, Sebastiano e Antonio da Padova, l’aureola dorata che, insieme a angeli e nuvole, simboleggia il paradiso cristiano.

Sulla punta siedono sul trono il Padre e il Figlio, che formano la Trinità insieme allo Spirito Santo.

Sotto di loro si trova Maria Madre di Gesù che intercede per gli afflitti, nel momento in cui viene incoronata Regina del Cielo. Questa colonna venne costruita nel 1722-25 come copia di un’opera viennese.

A sinistra, una strada sale fino al Castello Vecchio, le cui costruzioni si raggruppano intorno a una rocca al centro di un piccolo parco.

Dietro il portone del castello del 1582, la cerchia esterna dei fabbricati rurali racchiude un edificio amministrativo.

E’ consigliabile salire sulla rocca centrale per ammirare il magnifico panorama che si vede.

Il Castello medievale degli Hohenstaufen, del 1188, passò nel 1261 ai conti di Oettingen, venne conquistato e distrutto successivamente dagli svedesi.

Al suo posto vennero costruiti nuovi edifici dalle forme minimali, che furono riuniti in un complesso a tre ale agli inizi del XIX secolo.

Nell’ala destra, il tratto galleria, si trova la cappella di Sant’Anna del 1489, che conserva, oltre a notevoli figure di santi, un artistico bassorilievo in legno raffigurante la Sacra Famiglia. Nello stesso edificio si trova un museo con un’interessante raccolta di porcellane.

Un passaggio attraverso la costruzione centrale Welsch, conduce nel grande parco.

Sulla sinistra salta subito agli occhi l’imponente costruzione a tre livelli della scuola di equitazione principesca, caratterizzata da stalle basse, abitazioni a tre piani e un alto tetto a padiglione sul tratto centrale, sotto il quale si trova il maneggio coperto.

Il Castelletto Moritz, un complesso a tre ali posto a distanza nella lontana estremità del parco, era utilizzato ogni tanto come residenza vedovile.