Muscat: cosa vedere nella capitale dell’Oman

Palazzo del sultano - Muscat
Palazzo del sultano - Muscat

Cosa vedere a Muscat, itinerario di un giorno comprendente le principali attrazioni e luoghi d’interesse, tra cui Museo Bait Al Baranda e Palazzo del Sultano.

Turismo Muscat

Capitale dell’Oman, Muscat si presenta circondata da montagne e sorvegliata da forti del diciassettesimo secolo, il suo nome signifia “sicuro ancoraggio”.

Nel suo porto è possibile assistere alla messa in mare delle barche a vela tradizionali locali, mentre nelle zone centrali sono disponibili per l’acquisto i tradizionali gioielli beduini.

E’ consigliabile fare una pausa in un locale caratteristico dove sorseggiare uno tonificante thè alla menta.

Muscat, un tempo situata al centro di un impero dell’Africa orientale, ha sempre rappresentato un crocevia di culture.

Omaniti nei loro turbanti cashmere, sudanesi nelle loro canottiere di cotone, le donne del Kerala nei loro vestiti dai colori dell’arcobaleno, uniti tutti da una comune mentalità aperta alla vita, grazie a una città incontaminata con viali fioriti, dove la gente si attarda in lunghe sieste pomeridiane.

Nel 1970, quando le porte della città furono aperte al mondo moderno, Muscat subì una specie di rinascita.

Si espanse infatti lungo la costa in scintillanti sobborghi bianchi, con splendide spiagge di sabbia e un’incessante crescita di infrastrutture turistiche.

Bait al-Baranda, museo fantasioso e informativo, ospitato in un’attraente e restaurata vecchia villa, traccia lo sviluppo della città dalla preistoria ai tempi moderni.

Il museo Beyt az-Zubair, dedicato alla vita anteriore al 1970 e allestito in un residence splendidamente ristrutturato, espone una collezione di antichi oggetti per la casa e una raccolta di pugnali per cerimoniali, oltre a gioielli finemente realizzati in argento.

Mutrah Corniche è un viale che circonda tutto il golfo, con edifici vecchi, caratteristiche balconate e cupole delle moschee in cotto.

E’ una zona della città molto vitale, dove tutto inizia la mattina presto con il mercato del pesce, poi prosegue tutto il giorno con l’apertura dei negozi di souvenir e la presenza dei venditori ambulanti di tappeti.

Da ammirare le bellissime fontane musciali del diciottesimo secolo con vista sul porto.

La passaggiata sul Mutrah Corniche è molto popolare per la gente del posto che ama assaporare la brezza marina.

I buoni camminatori possono percorrere il tracciato in tutta la sua lunghezza, dove non è difficile assistere alla vista di sardine e delfini che saltano tra le onde calme dell’Oceano Indiano.

Mutrah Souk è il vecchio centro cittadino, dove si trovano negozi che vendono di tutto, tra cui oggetti in oro e mirra, vassoi e pugnali da cerimonia.

Questo è il posto giusto per cercare collane e bracciali di lapislazzuli, corallo e turchese.

Vecchi cassoni nuziali e porte in legno di case del villaggio sono solo alcuni degli elementi meno portatili in offerta.

Qurm Beach è una spiaggia ininterrotta di sabbia chiara, impreziosita dalle bellissime conchiglie e dalla presenza di varie specie di uccelli marini, estesa

per ben 20 km, sul lungomare si trovano hotel e locali per la ristorazione.

Nell’area commerciale adiacente di Shatti al-Qurm, si trova un negozio di artigianato tradizionale e un negozio che vende irresistibili leccornie ricoperte di cioccolato, il Bateels.

Il Palazzo del Sultano, che costituisce un gioiello di fantasia architettonica, non è visitabile internamente, ma una passeggiata intorno alla recinzione perimetrale, aiuta a rendersi conto della grande protezione esercitata nel passato dai due forti Forti Al Jalali e Al Mirani contro eventuali attacchi dal mare.