Frasi sulla vanità

Frasi sulla vanità: aforismi, citazioni

Citazioni, aforismi e frasi sulla vanità, ovvero sul compiacimento di sé, che si materializza in un crescente desiderio di essere ammirato per le qualità personali spesso solo presunte.

Citazioni sulla vanità

– Criterio di ogni giorno. Si sbaglierà di rado se si ricondurranno le azioni estreme alla vanità, quelle mediocri all’abitudine e quelle meschine alla paura. (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

– Nessun luogo consente una più lampante convinzione della vanità delle umane speranze di una biblioteca pubblica. (Samuel Johnson)

– Inquietudini e passioni dell’anima sono avvolti dalla vanità, che dell’anima è la pelle. (Irvin D.Yalom)

– La vanità affonda le sue radici nel cuore umano, la vanità, un’altra forma della paura di non essere amati. (Chitra Banerjee Divakaruni)

– La vanità è decisamente il mio peccato preferito. Kevin, è elementare. La vanità è l’oppiaceo più naturale. (John Milton)

– Zero, non volendo andar nudo, s’è vestito di vanità. (Victor Hugo)

– La nostra vanità è più grandemente offesa proprio quando è stato ferito il nostro orgoglio. (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

– La vanità non è altro che l’esser sensibili alla eventuale opinione degli altri su di noi. L’orgoglio nell’essere insensibili ad essa. (Paul Valéry)

– La virtù non andrebbe lontano se la vanità non le tenesse compagnia. (Francois De La Rochefoucauld)

– Non deriva la nostra inquietudine da un’intima coscienza della nostra indegnità, da uno scontento di noi stessi, che sempre si collega con l’invidia e con una pazza vanità? (Goethe)

– Non esiste vanità intelligente. (Louis Ferdinand Céline)

– Quello che rende tanto acuto il dolore dei gelosi, è che la vanità non può aiutare a sopportarlo. (Stendhal)

– La migliore prevenzione contro la vanità è l’orgoglio. (Edmond Thiaudière)

– Quanto è insensato l’oratore che si allontana felice per gli applausi di un pubblico ignorante! Perché ti rallegri di essere lodato da persone che non puoi a tua volta lodare? (Lucio Anneo Seneca)

– La vanità gioca dei brutti scherzi alla memoria. (Joseph Conrad)

– Ci si sbaglierà raramente, attribuendo le azioni estreme alla vanità, quelle mediocri all’abitudine e quelle meschine alla paura. (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

– La solitudine è la miglior cura per la vanità. (Thomas Clayton Wolfe)

– La frivola vanità, cormorano insaziabile, non esita a pascersi di sé stessa. (William Shakespeare)

– Le donne stesse, sullo sfondo di tutta la loro vanità personale, hanno pur sempre un disprezzo impersonale per la donna. (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

– Anche il dolore che nasce dalla noia e dal sentimento della vanità delle cose è più tollerabile assai che la stessa noia. (Giacomo Leopardi)

– Gola e vanità, due passioni che crescono con gli anni. (Alessandro Manzoni)

– Abbiamo tutti un sacco di timidezza nonché molte ansie e preoccupazioni, tutte cose per cui la vanità è un buon antidoto. (Mel Brooks)

– La vanità degli altri urta il nostro gusto solo allorché urta la nostra vanità. (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

– Mio padre diceva: I politici si pongono la domanda: è opportuno? La vanità si chiede: è popolare? Ma la coscienza chiede: è giusto? (Dexter Scott King)

– La vittoria della vanità non è la modestia, tanto meno l’umiltà, è piuttosto il suo eccesso. (José Saramago)

Aforismi sulla vanità

– All’innata vanità si accompagna una loquacità e una slealtà connaturata. (Arthur Schopenhauer)

– L’unica cura per la vanità è il riso, e l’unico difetto che sia ridicolo è la vanità. (Henri Louis Bergson)

– Agire per la propria vanità o per la gloria di Dio, questo differenzia un saltimbanco da un fedele. (Taras Mithrandir)

– Noi siamo così vanitosi che ci preoccupiamo persino delle opinioni di coloro che non ci interessano. (Marie Von Ebner Eschenbach)

– Sono così vanitoso che i complimenti mi offendono. (Jan Greshoff)

– Che egoismo, che stupida vanità, supporre che una cosa non possa succedere solo perché non riesci a concepirla! (Philip Gordon Wylie)

– La vanità mi spinse verso l’amore; no, verso la voluttà; neppure, verso la carne. (Gustave Flaubert)

– La vanità è sempre un segno di bontà d’animo. Si vuole, in questo modo, il proprio bene solo nella misura in cui si vuole il bene degli altri. (Oswald Spengler)

– La vanità è un aiuto fondamentale per la natura: completamente e assolutamente necessaria alla vita. È uno dei modi della natura di legarti alla terra. (Elizabeth Smart)

– Se la vanità è il motore dell’umanità, l’adulazione ne è il lubrificante. (Jerome Klapka Jerome)

– Se una donna si guarda spesso allo specchio, può darsi che non sia tanto un segno di vanità, quanto di coraggio. (Mark Twain)

– La vanità è stata da tempi immemorabili la carta di riconoscimento dei poeti. (Henry Mackenzie)

– Purché un uomo non sia pazzo, si può guarirlo da ogni fobia tranne la vanità. (Jean Jacques Rousseau)

– È necessario lasciare la vanità a quelli che non hanno altre cose da esibire. (Honoré De Balzac)

– La vanità non è altro che l’esser sensibili alla eventuale opinione degli altri su di noi. L’orgoglio nell’essere insensibili ad essa. (Paul Valery)

– Di tutte le vanità, la più vana è l’uomo. (Michel Eyquem De Montaigne)

– La vanità degli uni non fa che ferire la vanità degli altri. (Jacques Deval)

– Tutto ciò che è umano è soggetto all’umana vanità. (Johannes Brahms)

– Quel che ci rende insopportabile la vanità degli altri, è che essa offende la nostra. (Francois De La Rochefoucauld)

– Tutto è vanità, e rendersene conto è la vanità più grande di tutte. (John Oliver Hobbes)

– La vanità umana si mescola con le più nobili idee e conferisce loro una ostinazione che, senza essa, altrimenti non avremmo. (Gottfried Keller)

– Credo che gli uomini siano molto più vanitosi delle donne. (Patricia Arquette)

– La moda è l’idolo della gioventù, la più ridicola e la più rovinosa di tutte le vanità. (Axel Oxenstierna)

– La mia vanità non è fisica ma cerebrale. Credo che la consapevolezza di se stessi sia una forma di vanità. (Richard Griffiths)

– L’egoismo è lo stato naturale dell’uomo; la vanità quello della donna. (Henri Francois Joseph De Régnier)

Frasi sulla vanità

– L’orgoglio che si pasce di vanità finisce nel disprezzo. (Benjamin Franklin)

– Una filosofia che non ha come scopo ultimo la realizzazione spirituale dell’individuo è semplice vanità. (Henry Corbin)

– La modestia è una forma raffinata di vanità. È una menzogna. (Jean De La Bruyere)

– L’adulazione è una speculazione sulla vanità. Quando fa fiasco, l’adulatore non ritrae che quanto ha messo di suo, cioè il disprezzo. (Abel Dufresne)

– È solo per un eccesso di vanità ridicola che gli uomini si attribuiscono un’anima di specie diversa da quella degli animali. (Voltaire)

– Chi si vanta di aver conquistato una moltitudine di amici non ne hai mai avuto uno. (Samuel Taylor Coleridge)

– Vanità e orgoglio sono due concetti ben diversi. Si può essere orgogliosi senza essere vanitosi. L’orgoglio si collega piuttosto all’opinione che abbiamo di noi stessi, la vanità è ciò che desidereremmo fosse l’altrui opinione. (Jane Austen)

– La più alta forma di vanità è l’amore della gloria. (George Santayana)

– Ciò che facciamo di meglio, la nostra vanità vorrebbe che fosse appunto ciò che ci risulta più difficile. Per l’origine di alcune morali. (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

– Avrei potuto perdonare la sua Vanità se non avesse mortificato la mia. (Jane Austen)

– È la vanità delle donne che le fa spendere ore davanti allo specchio. È la vanità degli uomini non preoccuparsene. (Simon Munnery)

– Mettiti in mostra e non avrai attenzione; Il tuo vantarti sarà prova del tuo fallimento. (Bruce Lee)

– È un errore pensare che le donne siano vanitose. Solo gli uomini lo sono. Le donne si augurano solo d’essere l’oggetto di quella vanità. (Godfried Bomans)

– Dimmi di cosa ti vanti e ti dirò di cosa sei privo. (Carlos Ruiz Zafon)

– L’orgoglio è una bestia feroce che vive nelle caverne e nei deserti; la vanità invece, come un pappagallo, salta di ramo in ramo e chiacchiera in piena luce. (Gustave Flaubert)

– Nessun insetto costruisce il proprio nido su fili tanto fragili come quelli che sostengono il peso della vanità umana. (Edith Newbold Jones Wharton)

– L’orgoglio è una bestia feroce che vive nelle caverne e nei deserti; la vanità invece è un pappagallo che salta di ramo in ramo e chiacchiera in piena luce. (Gustave Flaubert)

– Il carattere di un essere umano è composto per lo più di vanità: il resto è una mescolanza di desideri, generosità, paura della morte e senso dell’onore. (Sandor Marai)

– La vanità è così radicata nel cuore dell’uomo, che ciascuno di noi vuole essere ammirato, perfino me che scrivo queste parole, e voi che le leggete. (Blaise Pascal)

– Tutti quanti siamo ambiziosi, ma bisogna capire se c’è ambizione a fare o ad essere. (Jean Monnet)

– L’orgoglio si riferisce all’opinione che abbiamo di noi stessi, la vanità a ciò che vorremmo gli altri pensino di noi. (Jane Austen)

– Sono giunto alla ferma convinzione che la vanità è alla base di tutto e che anche ciò che chiamiamo coscienza non è altro che vanità interiore. (Gustave Flaubert)

– Gli uomini non possono vedere il loro riflesso nell’acqua corrente, ma solo nell’acqua stagnante. (Chuang Tzu)

– L’adulazione è una moneta falsa che ha corso solo grazie alla nostra vanità. (Francois De la Rochefoucauld)

– La superbia è una grande stima di se stessi che procede dal proprio interno, ed è quindi diretta, mentre la vanità è un’aspirazione a ottenerla dal di fuori, cioè indirettamente. In conformità con ciò, la vanità rende loquaci, e la superbia rende taciturni. (Arthur Schopenhauer)

– La vanità, quando lavora su un cervello debole, produce ogni sorta di effetto negativo. (Jane Austen)

– Per i vanitosi gli altri uomini sono degli ammiratori. (Antoine De Saint Exupéry)

– Come ogni altra forma d’arte, il cinema è importante solo se usato per discutere di quelle cose di cui non vogliamo sentir parlare, altrimenti è solo uno strumento di vanità. (Joao Costa Menezes)

– Se mai la vanità fece felice qualcuno sulla terra, quel qualcuno non poteva essere altri che uno sciocco. (Jean Jacques Rousseau)

– È spiacevole e tormentoso quando il corpo vive e si dà importanza per conto suo, senza alcun legame con lo spirito. (Thomas Mann)