Torri del Benaco: cosa vedere, Castello Scaligero

Cosa vedere a Torri del Benaco, itinerario comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse, tra cui Castello Scaligero, Chiesa San Giovanni e borgo di Crero.

Turismo Torri del Benaco

Paese del Veneto, situato sulla sponda orientale del Lago di Garda, Torri del Benaco si estende intorno al porto, sul quale si affaccia il Castello Scaligero, imponente fortificazione che trae origine da un castrum romano, fatto riedificare dalla famiglia scaligera nel 1383.

Il Castello ospita il museo etnografico e una serra di agrumi, per la cui realizzazione fu abbattuta, nel diciottesimo secolo, la cinta muraria più esterna.

Nelle vicinanze si trova il quattrocentesco Palazzo del Consiglio della Gardesana, oggi adibito a albergo, che in passato, tra il quindicesimo e il diciottesimo secolo, fu sede del Consiglio della Federazione dei dieci comuni del lago, nota anche come “Gardesana dall’Acqua”, che aveva il compito di impedire il contrabbando e di raccogliere le imposte, durante il governo delle Repubblica di Venezia.

Tra le chiese presenti nel territorio, rientra la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo Apostoli, costruita nel 1719 nel luogo dove sorgeva un edificio preesistente gravemente danneggiato, che conserva al suo interno numerose opere d’arte.

La Chiesa della Santissima Trinità, risalente al quattordicesimo secolo, ospitava le cerimonie religiose quando si riuniva la Gardesana dell’Acqua.

La Chiesa di San Giovanni, pieve romanica risalente al dodicesimo secolo, situata appena fuori le mura del paese, fu prima la Chiesa del lazzaretto e successivamente la Chiesa del cimitero del comune, attualmente, dopo un lungo lavoro di restauro, viene usata dalla comunità come auditorium.

Il borgo è circondato da un paesaggio incantevole, caratterizzato da verdi colline ornate da uliveti secolari, che si distendono sui ripidi e assolati pendii terrazzati.

Di fronte al paese si possono ammirare le imponenti montagne che sorgono sulla sponda opposta del lago di Garda.

Le origini di Torri del Benaco risalgono all’epoca preistorica, come testimoniano le incisioni rupestri situate in varie località sparse sul territorio comunale.

L’incisione più grande è la “Roccia Grande”, situata in prossimità di Crero, piccola frazione del comune di Torri del Benaco a 207 m s.l.m., località che offre una bellissima veduta sulla parte nord del Garda.

Nei pressi di Crero, in un’altra splendida posizione panoramica, sorge il piccolo borgo di Pai, arroccato sul fianco del monte Baldo, dove è possibile ammirare i resti di antiche fortificazioni, oltre alla chiesa parrocchiale di Pai dedicata a San Marco, ottenuta ampliando l’antica cappella del castello, abbattuto con la discesa in Italia del Barbarossa.

All’interno del cimitero si trova una chiesetta romanica dedicata a San Gregorio Magno, che era la vecchia chiesa parrocchiale di Pai fino al 1450, con affreschi di epoca romanica, il resto è frutto di interventi avvenuti nei secoli successivi.

Altra frazione di Torri del Benaco è Albisano, paese situato in posizione suggestiva a 309 metri di altitudine, raccolto intorno alla Chiesa di San Martino.

L’edificio, già presente nel Quattrocento, subì una radicale trasformazione, a seguito della ristrutturazione avvenuta intorno alla metà del Settecento.