Torino: cosa vedere, Mole Antonelliana, Palazzo Reale

Cosa vedere a Torino, itinerario di un giorno comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse, tra cui Mole Antonelliana e Palazzo reale.

palazzo madama torino
palazzo madama torino

Turismo Torino

Prima capitale d’Italia tra il 1861 e il 1865, Torino rappresenta oggi uno dei maggiori centri culturali e turistici italiani, oltre che del Piemonte.

Il vasto patrimonio artistico della città ha origini prevalentemente romaniche e barocche.

Tra i monumenti principali rientrano la Mole Antonelliana, il Palazzo Reale, in passato dimora prima dei Duchi e poi dei Re che furono al governo della città, la Cattedrale in stile rinascimentale dedicata a San Giovanni Battista al cui interno si trova la Sacra Sindone, il Museo Egizio e il Palazzo Madama.

Merita una visita il Quartiere di Cit Turin, con i suoi molti edifici realizzati in stile Liberty.

Caratteristica particolare di Torino sono i portici, che si estendono per una ventina di chilometri e sono in gran parte collegati tra loro.

Costruiti in epoche diverse, i primi portici risalgono a epoca medievale, mentre gran parte di quelli ancora presenti furono costruiti dal diciassettesimo secolo in poi.

Prima testimonianza di questo fatto è l’ordinanza di Carlo Emanuele I, risalente al 16 giugno 1606, che riguardava la costruzione di Piazza Castello seguendo il progetto di Ascanio Vitozzi, che prevedeva la costruzione dei portici intorno all’intera piazza.

In quegli anni furono costruiti da Filippo Juvarra anche i portici di Porta Palazzo, mentre Benedetto Alfieri fu incaricato dei lavori di ristrutturazione dei portici di Piazza Palazzo di Città.

Il portico che unisce Piazza Castello con Piazza Vittorio Veneto, attraversando via Po sul lato sinistro, aveva la funzione di permettere, con il completo attraversamento di tutte le vie, il raggiungimento del fiume Po da parte del re, senza bagnarsi in caso di pioggia.