Bol: cosa vedere nella cittadina dell’isola di Brac

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessuna valutazione)
Loading...

Cosa vedere a Bol, itinerario per visitare il principale centro dell’isola di Brac dove si trova una delle spiagge più belle della Croazia caratterizzata dal blu intenso del mare.

Spiaggia di Bol - Isola di Brac, Croazia
Spiaggia di Bol - Isola di Brac, Croazia

Turismo Isola di Brac

La spiaggia del Corno d’Oro è la principale e maggiormente conosciuta tra le spiagge dell’isola di Brac, la maggiore della Dalmazia in Croazia.

L’isola di Brac, Brazza in italiano, è l’isola più grande della Dalmazia, in Croazia, ed è la terza per superficie fra le isole del mar Adriatico.

La parte meridionale dell’isola è caratterizzata da rilievi calcarei, mentre la parte settentrionale ha un aspetto più dolce ed offre invitanti spiagge di sabbia.

L’isola, che fu popolata fin dal Neolitico, fa parte del gruppo delle Curzolane ed i suoi centri principali sono, Supetar (San Pietro), Sutivan (San Giovanni), Milna (Milona), nonché la località turistica di Bol dove si trova la famosa spiaggia Zlatni rat (Corno d’oro).

Discendendo lungo le pendici del Vidova Gora, si raggiunge la località principale della costa meridionale dell’isola, ovvero la cittadina di Bol, vicino alla quale si trova Zlatni rat, una magnifica lingua di sabbia che si protende nel mare per oltre 300 metri, il cui profilo cambia a seconda delle correnti marine.

A Bol sorge la chiesa di Sv Ivan, costruita nel undicesimo secolo e rifatta in epoca barocca, e il Monastero domenicano con la chiesa, che conserva al suo interno una “Madonna con il Bambino e Santi” della scuola del Tintoretto.

Supetar si trova a nord dell’isola, affacciata sulla baia omonima, dove approdano i traghetti da Spalato.

La cittadina è inserita in un ambiente naturale molto bello, ricco di spiagge e di baie circondate da boschi di pino.

Dal punto di vista culturale il monumento principale di Supetar è la chiesa dell’Annunciazione di Maria, costruita nel 1733 sui fondamenti della basilica paleocristiana dedicata a San Pietro.

Proseguendo ad ovest di Supetar si trova Sutivan, con le sue spiagge e la chiesa di San Ivan, edificata alla fine del sedicesimo secolo vicino alle rovine di una cappella paleocristiana.

Dopo circa 10 Km, affacciata su una baia molto profonda riparata dai venti, sorge Milna, il cui abitato risale al diciottesimo secolo.

La chiesa di Velika Gospa vi fu costruita nel 1783, ed ha al suo interno la pala dell’altare, un’annunciazione opera di Sebastiano Ricci.

Verso l’entroterra, prima di arrivare a Bol, è situata Neresi, una borgata agricola che fino al diciannovesimo secolo era il centro maggiore dell’isola.

La sua piazza principale è d’impronta veneziana, mentre la chiesa parrocchiale, risalente al tredicesimo secolo, fu rifatta in epoca Barocca.