Sorgono: cosa vedere, Chiesa San Mauro, Nuraghi, Tombe dei Giganti, Menhir, Domus de Janas

Cosa vedere a Sorgono, itinerario comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse, tra cui la Chiesa di San Mauro, i Nuraghi, le Tombe dei Giganti, le Domus de Janas e i Menhir.

Domus de Janas - Sorgono

Turismo Sorgono

Situata in provincia di Nuoro, nei pressi del confine con il Parco naturale del Gennargentu, Sorgono è un paese a economia prevalentemente agricola, vista la notevole fertilità del suo terreno, dove vengono coltivati in particolare i vitigni che forniscono l’uva necessaria per produrre il rinomato vino Cannonau.

Nel territorio di Sorgono si trova una notevole quantità di resti preistorici, risalenti per la maggior parte all’età nuragica ma, nonostante questo, le origini del borgo sono medievali.

Tra i principali monumenti e luoghi di interesse rientra la Chiesa di Santa Maria Assunta, realizzata in stile tardogotico nel sedicesimo secolo ma rimaneggiata in epoche successive, con conseguente perdita di gran parte delle caratteristiche originarie, fatta eccezione per il campanile.

Il Santuario campestre di San Mauro, uno dei più grandi della Sardegna, ha una chiesa risalente al quindicesimo secolo, costruita in stile tardogotico-aragonese e rimaneggiata nel diciassettesimo secolo.

Nella facciata sono compresi un grande rosone in pietra e un portone rinascimentale, mentre l’interno è a navata unica con copertura a volta del tipo a botte.

Alla chiesa si aggiungono i numerosi muristenes, detti anche anche cumbessìas, che sono dei piccoli alloggi destinati ai pellegrini, diffusi anche in altri santuari campestri della Sardegna.

Altre chiese da vedere sono quelle campestri di San Giacomo, a navata unica con tetto a capanna, e di Nostra Signora di Itria, ricostruita nel 1910 ad aula singola, posta a circa mille metri di altitudine sulla collina di Sa Pala e Cresia, dalla quale è possibile godere di un bellissimo panorama.

Nel centro storico si possono vedere molti esempi di architettura domestica aragonese, oltre a una notevole fonte pisana del 1600 situata nel rione Funtana Lei.

Casa Carta, edificio costruito tra la fine del cinquecento e l’inizio del seicento, è contraddistinto da elementi architettonici tardogotici.

La Stazione ferroviaria, circondata da un incantevole paesaggio, si presenta con la particolare architettura di ingegneria ferroviaria tipica della fine dell’Ottocento.

Nel territorio di Sorgono sono presenti vari siti di interesse archeologico, tra cui vari nuraghi, costruzioni in pietra dalla forma tronco conica, le Tombe dei Giganti, sepolture del periodo nuragico, le Domus de Janas, grotticelle artificiali scavate nella roccia, e i Menhir, monumenti preistorici formati da una sola pietra molto lunga e dalla forma irregolare, inserita verticalmente nel suolo.

Dritte del giorno

Da non perdere