Cosa vuol dire anoressia? Cause, disturbi associati e terapia

Che cosa significa anoressia, cause che provocano questo tipo di disturbo, cosa comporta e cure per guarire da questa complicata condizione morbosa.

anoressia significato
anoressia significato

Significato di anoressia

Si tratta di una condizione morbosa in cui il soggetto che ne è affetto presenta una forte riduzione o scomparsa totale dell’appetito.

Le cause dell’anoressia possono derivare da malattie dell’apparato digerente, disturbi di tipo neurologico, diete seguite per troppo tempo e anemie.

Ma molto spesso l’anoressia è la conseguenza di disturbi che rientrano nella sfera psicologica del soggetto, si parla in questo caso di anoressia mentale, una tipologia che colpisce in prevalenza le donne.

I segnali principali di questa malattia sono la perdita dell’appetito e un rifiuto totale del cibo. In molti casi, la persona colpita nasconde in un primo tempo questa repulsione per il cibo ai familiari, che a volte è alternata da momenti in cui prevale la bulimia, ovvero il senso di avere una fame smodata, che porta a mangiare al di fuori di ogni limite, provocando conseguentemente episodi di vomito.

Il forte dimagrimento che consegue all’anoressia, porta in un primo tempo all’ostentazione di buona salute e iperattività, e questo ritarda il momento in cui i familiari e le persone più vicine riescono a rendersi conto del problema.

La terapia consigliata, nei casi più gravi, è quella dell’allontanamento dall’ambiente familiare, seguito dall’inizio di una buona psicoterapia individuale, nella maggior parte dei casi non è utile l’ausilio di farmaci.