Salmo 146: esala lo spirito e ritorna alla terra, in quel giorno

L’epoca di redazione del salmo 146 risale ad un periodo successivo all’esilio, caratterizzato da un tempo di pace e normalità. Il salmista si propone di testimoniare e lodare il Signore per il resto della sua vita, ma invita a non farsi abbindolare dai potenti, a cui piace circondarsi di gloria ma, essendo uomini anche loro, saranno destinati a morire come tutti.

salmo 146
salmo 146

Lettura salmo 146 bibbia

[1] Alleluia. Loda il Signore, anima mia:

[2] loderò il Signore per tutta la mia vita, finché vivo canterò inni al mio Dio.

[3] Non confidate nei potenti, in un uomo che non può salvare.

[4] Esala lo spirito e ritorna alla terra; in quel giorno svaniscono tutti i suoi disegni.

[5] Beato chi ha per aiuto il Dio di Giacobbe, chi spera nel Signore suo Dio,

[6] creatore del cielo e della terra, del mare e di quanto contiene. Egli è fedele per sempre,

[7] rende giustizia agli oppressi, dà il pane agli affamati. Il Signore libera i prigionieri,

[8] il Signore ridona la vista ai ciechi, il Signore rialza chi è caduto, il Signore ama i giusti,

[9] il Signore protegge lo straniero, egli sostiene l’orfano e la vedova, ma sconvolge le vie degli empi.

[10] Il Signore regna per sempre, il tuo Dio, o Sion, per ogni generazione.

Dritte del giorno