Borgo di Montepagano (Roseto degli abruzzi)

Roseto degli Abruzzi: cosa vedere, Montepagano

Cosa vedere a Roseto degli Abruzzi, itinerario comprendente i principali monumenti e luoghi di interesse, tra cui il litorale con la spiaggia di sabbia e l’antico borgo medievale di Montepagano.

Turismo Roseto degli Abruzzi

Il centro abitato di Roseto degli Abruzzi si estende su un’area pianeggiante localizzata nella zona del litorale, mentre a ovest la cittadina si sviluppa anche sulle colline circostanti, dalla frazione di Montepagano, che si trova quasi a trecento metri di altitudine, è possibile dominare sull’intero territorio.

Montepagano, che costituisce il borgo originario di Roseto, risalente a epoca medievale, è situato sopra il colle che sovrasta la fascia costiera, celebre nella zona per l’abbondante coltivazione di rose, fatto da cui derivò il nome precedente di Rosburgo, che significa appunto città delle rose.

Il Castello di Montepagano è una fortificazione arroccata sulla collina di Roseto, dove sono conservate opere d’arte e importanti monumenti del passato.

Nonostante le dimensioni ridotte, Montepagano è un borgo che tramanda una storia antica in grado di raccontarsi da sola attraverso le sue vie e piazzette traboccanti di ricordi del passato.

Tra i monumenti più importanti da vedere rientra la Porta da Borea, con il suo arco ad ogiva, oltre alle grandiose mura medievali.

Oltre a questo ci sono varie chiese da vedere, tra cui la più importante è quella della Santissima Annunziata, terminata nel 1602, dove si tengono anche oggi le maggiori manifestazioni religiose.

La Chiesa di Santa Maria Assunta, che all’inizio era dedicata a Santa Filomena, è in stile neogotico e risale al 1863.

Presenta una facciata a capanna, con portale in stile romanico e apertura rotonda centrale, inoltre l’interno è a navata unica, mentre il campanile a torre è quello che è rimasto della vecchia chiesa di Santa Filomena del XVII secolo.

La Chiesa del Sacro Cuore è un edificio moderno a pianta quadrata, costruito negli anni sessanta, con una forma esterna che si eleva al centro, con cupola ottagonale di dimensioni contenute, mentre l’interno è in gran parte affrescato.

Santa Maria Annunziata, che è la chiesa parrocchiale risalente alla fine del XVI secolo, ha struttura rettangolare con una grande cupola e un portale di marmo in stile classico.

In questo edificio di culto a tre navate, dalla navata centrale è possibile accedere a otto cappelle con apertura ad arco a tutto sesto, tra cui quella della Croce dell’Indulgenza del 1901, inoltre il cupolone è uno dei maggiori della provincia di Teramo.

Il Campanile di Sant’Antimo, che è quello che resta dell’omonima chiesa del XIV secolo, è suddiviso in tre parti, di cui la più alta presenta un alto tamburo con lanterna e cuspide conica, riprendendo il tipico stile dei campanili di Atri, largamente usato durante il sedicesimo secolo.

La chiesa di Sant’Antimo, decorata da un soffitto rifinito con lamine dorate, venne abbattuta da Gioacchino Murat quando venne emanato il decreto che aboliva il culto cristiano.

Roseto degli Abruzzi comprende numerose strutture turistiche di varia tipologia, tra cui hotel, campeggi e stabilimenti balneari.

E’ presente anche un porto turistico, il litorale comprende un’estesa spiaggia sabbiosa della lunghezza di quasi undici chilometri.

Il 15 agosto di ogni anno si svolge la processione a mare della Madonna che, posizionata su un peschereccio, apre la via del mare alle altre barche che la seguono.