Papa Francesco: riflessioni, massime

Discorsi Papa Francesco, raccolta omelie, riflessioni, affermazioni e dichiarazioni, con massime e indicazioni per vivere al meglio una vita cristiana esemplare, l’incontro con Dio che nasce del silenzio, una dimensioni comunitaria nella certezza che nessuno si salva da solo.

papa francesco discorsi

Riflessioni Papa Francesco

– Il Natale spesso è una festa rumorosa: ci farà bene stare un pò in silenzio, per sentire la voce dell’Amore.

– A Natale Cristo viene fra noi: è il momento propizio per un incontro personale con il Signore.

– Davanti al Presepe, preghiamo in modo speciale per quanti soffrono persecuzione a motivo della fede.

– Nel volto del Bambino Gesù contempliamo il volto di Dio. Venite, adoriamo!

– Attingiamo dal presepe la gioia e la pace profonda che Gesù viene a portare nel mondo.

– Dio non si rivela nella forza o nella potenza, ma nella debolezza e nella fragilità di un neonato.

– Gesù Bambino rivela la tenerezza dell’amore immenso con cui Dio circonda ciascuno di noi.

– Lasciamo un posto libero a tavola: un posto per chi manca del necessario, per chi è rimasto solo.

– Contempliamo l’umiltà del Figlio di Dio, nato povero. Imitiamolo nella condivisione con le persone più deboli.

– Fermiamoci davanti al Bambino di Betlemme. Lasciamo che la tenerezza di Dio riscaldi il nostro cuore.

– Nessun anziano dovrebbe essere come “esiliato” nelle nostre famiglie. Gli anziani sono un tesoro per la società.

– Il Signore bussa alla porta del nostro cuore. Forse noi abbiamo messo un piccolo cartello con scritto non disturbare?

– Diciamo sempre grazie a Dio, anzitutto per la sua pazienza e misericordia.

– Preghiamo per la pace, e cerchiamo di costruirla, incominciando da casa!

– Quanto è potente la preghiera! Non perdiamo mai il coraggio di dire: Signore, donaci la tua pace.

– Le guerre spezzano tante vite. Penso specialmente ai bambini derubati della loro infanzia.

– Non basta dire di essere cristiani, bisogna vivere la fede, non solo con le parole ma con le opere.

– Se viviamo la fede nel quotidiano, anche il lavoro diventa occasione per trasmettere la gioia di essere cristiani.

– Come Maria, custodiamo in noi la luce accesa a Natale, portiamola dappertutto, nella vita di ogni giorno.

– Siamo chiamati a vivere il nostro Battesimo ogni giorno, come nuove creature, rivestiti di Cristo.

– E’ facile rivolgersi a Dio per chiedere, tutti lo facciamo. Quando impareremo anche a ringraziarlo e adorarlo?

– Cari giovani, non accontentatevi di una vita mediocre. Lasciatevi affascinare da ciò che è vero e bello, da Dio.

– Preghiamo per l’unità dei cristiani. Sono tante e tanto preziose le cose che ci uniscono!

– Non posso immaginare un cristiano che non sappia sorridere. Cerchiamo di dare una testimonianza gioiosa della nostra fede.

– Nessuno si salva da solo. La dimensione comunitaria è essenziale nella vita cristiana.

– A volte siamo tristi per il peso dei nostri peccati. Non scoraggiamoci: Cristo è venuto a
togliere tutto questo, Lui ci dà la pace.

– E’ importante avere amici di cui potersi fidare. Ma è essenziale avere fiducia nel Signore,
che non ci delude mai.

– Cari giovani, Gesù ci dà la vita, la vita in abbondanza. Vicini a Lui, avremo la gioia nel cuore,
e un sorriso sulle labbra.

– Il mondo ci fa guardare noi stessi, l’avere, il piacere. Il Vangelo ci invita ad aprirci agli altri, a condividere con i poveri.

– Quale sapore acquista la vita quando ci si lascia inondare dall’amore di Dio!

– I Sacramenti, specialmente la Confessione e l’Eucarestia, sono luoghi privilegiati di incontro con Cristo.

– Preghiamo per tutti i Sacerdoti buoni e fedeli che si dedicano alla loro gente con generosità e sacrificio silenzioso.

– Oggi vi invito a pregare insieme con me per la Sua Santità Benedetto XVI, un uomo di grande coraggio e umiltà.

– Saluto tutte le persone malate e sofferenti. Cristo crocifisso vi è vicino: stringetevi a Lui!

– Giovani, non abbiate paura di sposarvi: uniti in un matrimonio fedele e fecondo, sarete felici.

– Cari ammalati, non perdete la speranza, anche nei momenti più duri della sofferenza. Cristo è vicino a voi.

– Impariamo da Gesà a pregare, a perdonare, a seminare pace, ad essere vicini a chi è nel bisogno.

– Signore Gesù, rendici capaci di amare come te.

– La Cresima è importante per un cristiano; ci dà la forza di difendere la fede e di diffondere il Vangelo con coraggio.

– Non perdiamo mai la speranza! Dio ci ama sempre, anche con i nostri sbagli e peccati.

– La Madonna ci è sempre vicina, soprattutto quando si fa sentire il peso della vita con tutti i suoi problemi.

– Tutti noi battezzati siamo discepoli missionari. Siamo chiamati a diventare nel mondo un Vangelo vivente.

– In una famiglia è normale farsi carico di chi ha bisogno. Non abbiate paura della fragilità!

– L’Eucarestia è essenziale per noi: è Cristo che vuole entrare nella nostra vita e riempirla con la sua grazia.

– Ringraziamo tutti quelli che insegnano nelle scuole cattoliche. Educare è un atto d’amore, è come dare la vita.

– Come vivere bene il matrimonio? Uniti al Signore, che rinnova sempre l’amore e lo rende più forte di ogni difficoltà.

– Nella vita tutti facciamo tanti sbagli. Impariamo a riconoscere i nostri errori e a chiedere scusa.

– La Quaresima è un tempo adatto alla rinuncia. Priviamoci di qualcosa ogni giorno per aiutare gli altri.

– Preghiamo per i cristiani vittime di persecuzione, perché sappiano reagire al male con il bene.

– La nostra gioia più profonda viene da Cristo: stare con Lui, camminare con Lui, essere suoi discepoli.

– La sfida degli sposi cristiani: stare insieme, sapersi amare per sempre, e fare in modo che l’amore cresca.

– L’amore cristiano è un amore senza calcoli. Questa è la lezione del Buon Samaritano, questa è la lezione di Gesù.

– Impariamo a dire “Grazie”, a Dio, agli altri. Lo insegniamo ai bambini, ma poi lo dimentichiamo!

– La malattia e la morte non sono dei tabù, sono realtà che dobbiamo affrontare alla presenza di Gesù.

– Gesù è la nostra speranza, niente, neanche il male né la morte possono separarci dalla potenza salvifica del suo Amore.

– Gesù non è mai lontano da noi peccatori, Lui vuole riversare su di noi, senza misura, tutta la sua misericordia.

– Non possiamo essere discepoli tiepidi, la Chiesa ha bisogno del nostro coraggio per dare testimonianza alla verità.

– La Quaresima è un tempo di grazia, un tempo per convertirsi e vivere in coerenza col proprio Battesimo.

– Tutti abbiamo bisogno di migliorare, di cambiare in meglio. La Quaresima ci aiuta a lottare contro i nostri difetti.

– Viviamo in una società che esclude Dio dall’Orizzonte, e questo, giorno per giorno, narcotizza il cuore.

– La Quaresima è il tempo per cambiare rotta, per reagire di fronte al male e alla miseria.