Fonduta alla piemontese, ricetta con tartufi

Come fare la fonduta alla piemontese, con fontina della Valle d’Aosta, tartufo bianco d’Alba, tuorli d’uovo, burro, latte, pepe bianco appena macinato.

Ingredienti per 4 persone

– 400 g di fontina della Valle d’Aosta

– 200 g di latte

– 4 tuorli d’uovo

– 30 g di burro

– 1 tartufo bianco d’Alba affettato finemente

– pepe bianco appena macinato


Come preparare la fonduta alla piemontese con tartufi

Tagliare il formaggio a dadi molto piccoli e metterli in un recipiente di coccio a bordi non troppo alti.

Ricoprire il formaggio con il latte freddo e lasciare riposare il preparato in un luogo fresco (non in frigorifero) per almeno quattro ore.

Dopo togliere i dadi di fontina dal latte e sgocciolarli bene, eliminare il latte, rimettere nello stesso recipiente la fontina con il burro, i tuorli d’uovo e il pepe bianco appena macinato.

Fare cuocere il tutto a bagnomaria, a fiamma bassa mescolando in continuazione e lentamente con un cucchiaio di legno, fino a ottenere un composto cremoso e denso, ma non filante.

E’ importante che l’acqua del bagnomaria sobbolla soltanto, ma non bolla mai.

Versare la fonduta nelle apposite ciotoline individuali di coccio e cospargerle con tartufo bianco d’Alba finemente affettato.