Confucio: frasi celebri, aforismi e citazioni

Confucio: frasi celebri
Confucio: frasi celebri

Frasi celebri di confucio, aforismi e citazioni selezionate di questo grande filosofo cinese che, vissuto tra il sesto e quinto secolo prima di Cristo, fu il promotore di una concezione etica dell’uomo visto nella sua universalità.

Frasi Confucio

– Chi torna per la vecchia strada per imparare il nuovo, può essere considerato un maestro.

– Osserva molte cose, scarta quelle insicure e comportati con molta cautela nei confronti di quelle rimanenti. Avrai così minore probabilità di sbagliare.

– Non preoccuparti del fatto che la gente non ti conosce, preoccupati del fatto che forse non meriti di essere conosciuto.

– Quando si è in un pasticcio, tanto vale goderne il sapore.

– In qualunque direzione tu vada, vacci con tutto il cuore.

– L’uomo nobile enfatizza le buone qualità degli altri, e non accentua le cattive. L’inferiore fa il contrario.

– Anche un viaggio di mille miglia inizia con un passo.

– Quando le parole perderanno il loro significato le persone perderanno la loro libertà.

– Saggezza compassione e coraggio sono le tre qualità morali universalmente riconosciute.

– La natura umana è buona e il male è essenzialmente innaturale.

– Dimentica le offese, non dimenticare mai le cortesie.

– La mia casa è molto piccola, ma le sue finestre si aprono su un mondo grande e meraviglioso.

– La felicità più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta.

– La via non può essere lasciata un solo istante. Se potessimo lasciarla, non sarebbe la via.

– Vedere e ascoltare i malvagi è già l’inizio della malvagità.

– Il vero signore è simile a un arciere: se manca il bersaglio, ne cerca la causa in se stesso.

– Allontanarsi dal mondo, restare sconosciuti e non avere rimpianti: a questo può arrivare solo l’uomo superiore.

– L’uomo saggio è informato in ciò che è giusto. L’uomo inferiore è informato in ciò che pagherà.

– Se nel prossimo vedi il buono, imitalo; se nel prossimo vedi il male, guardati dentro.

– Studia il passato se vuoi prevedere il futuro.

– Che vanità, voler penetrare il bersaglio quando tiri con l’arco. Ci sarà sempre uno più forte di te. L’unica cosa che conta è la correttezza del gesto.

– Solo i più saggi o i più stupidi degli uomini non cambiano mai.

– Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua.

– C’è malvagità in un’intenzione malvagia, anche se l’atto non viene perpetrato.

– Se c’è rimedio perché te la prendi? E se non c’è rimedio perché te la prendi?

– E’ difficile essere poveri e non avere risentimenti, così come è facile essere ricchi e non essere superbi.

– Se vedi un affamato non dargli del riso: insegnagli a coltivarlo.

– La pigrizia cammina così lenta che la povertà non fa grande fatica a raggiungerla.

– Il momento migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Il secondo momento migliore è adesso.

– Non importa quanto lontano possa andare lo spirito, non andrà mai più lontano del cuore.

– Non preoccuparti se gli altri non ti apprezzano. Preoccupati se tu non apprezzi te stesso.

– Quando due amici si comprendono completamente le parole sono soavi e forti come profumo di orchidee.

– Non fare del bene se non sopporti l’ingratitudine.

– E’ nel momento più freddo dell’anno che il pino e il cipresso, ultimi a perdere le foglie, rivelano la loro tenacia.

– È meglio accendere una piccola candela che maledire l’oscurità.

– Rari sono quelli che preferiscono la virtù ai piaceri del sesso.

– La vita è veramente molto semplice; ma noi insistiamo nel renderla complicata.

– Un uomo senza baffi è un uomo senza anima.

– Chi conosce tutte le risposte… …non si è fatto tutte le domande.

– Il maestro disse: Chi arriva a quarant’anni senza essere apprezzato, non lo sarà mai più.

– Io chiedo a Dio nient’altro che una casa piena di libri e un giardino pieno di fiori.

– Il maestro disse: Chi si modera, raramente si perde.

– Mi chiedi perché compro riso e fiori? Compro il riso per vivere e i fiori per avere una ragione per cui vivere.

– Il maestro disse: si può indurre il popolo a seguire una causa, ma non a comprenderla.

– Le stelle sono buchi nel cielo da cui filtra la luce dell’infinito.

– L’uomo superiore è modesto nelle sue parole, ma eccede nelle sue azioni.

– Vivi come in punto di morte vorresti aver vissuto.

– Colui che non prevede le cose lontane si espone ad infelicità ravvicinate.

– Colui che chiede è uno stupido per cinque minuti. Colui che non chiede è uno stolto per sempre.

– La via della persona superiore è triplice; i virtuosi, sono liberi da ansie; i saggi sono esenti da perplessità; e gli audaci sono liberi dalla paura.

– Il saggio esige il massimo da sé, l’uomo da poco si attende tutto dagli altri.

– I saldi, i resistenti, i semplici, e i modesti sono vicini alle virtù.

– Non vendicarti, perché dopo la vendetta viene il pentimento.

– Se non si sa cos’è la vita, come si può sapere cos’è la morte?

– Meglio tacere e sembrare stupidi che togliere ogni dubbio parlando.

– La conoscenza reale è conoscere l’estensione della propria ignoranza.

– Gli errori dell’uomo superiore sono simili alle eclissi di sole e di luna. Tutti se ne accorgono quando sbaglia, e tutti lo ammirano quando si ravvede.

– Se non si rispettano le cose sacre, non si ha nulla su cui basare la propria condotta.

– Non c’è uomo che non possa bere o mangiare ma, sono in pochi in grado di capire che cosa abbia sapore.

– Dove c’è l’educazione non c’è distinzione di classe.

– Non importa se ti muovi piano, l’importante è che non ti fermi.

– Il perfezionamento del proprio io è la base fondamentale di tutto il progresso e lo sviluppo morale.

– Ogni cosa ha la sua bellezza ma non tutti la vedono.

– Non conta il colore del gatto, conta che acchiappi il topo.

– L’uomo che sposta le montagne comincia portando via i sassi più piccoli.

– L’inizio della saggezza consiste nel chiamare le cose con il loro nome.

– Se incontri uno convinto di sapere tutto e sicuro di saper fare tutto, non ti puoi sbagliare: è un imbecille.

– Per una parola un uomo viene spesso giudicato saggio, e per una parola viene spesso giudicato stupido. Dunque dobbiamo stare molto attenti a quello che diciamo.

– Abbiamo due vite, e la seconda inizia quando ci rendiamo conto che ne abbiamo una sola.

– Chi impara, ma non pensa, è perduto. Chi pensa, ma non impara, è in pericolo.

– Non parlate mai di voi stessi: né in bene, perché nessuno vi crederebbe, né in male, perché vi si crederebbe fin troppo.

– Niente è più visibile di ciò che è nascosto.

– Non correggere i nostri errori è come commetterne altri.

– L’uomo superiore comprende la giustizia e la correttezza; l’uomo dappoco comprende l’interesse personale.

– Il silenzio è il vero amico che non tradisce mai.

– Non è la misura dell’aratro che conta, ma quanto tempo trascorri ad arare il campo.

– E’ più vergognoso non fidarsi dei propri amici, che venire traditi da essi.

– Il padre che non insegna a suo figlio i suoi compiti è egualmente responsabile come il figlio che li trascura.

– Vedere ciò che è giusto e non farlo è mancanza di coraggio.

– Se ascolto dimentico, se leggo ricordo, se faccio capisco.

– Non lamentatevi della neve sul tetto del vicino, se non l’avete ancora spalata via dal vostro uscio.

– Meglio un diamante con un difetto che un sasso perfetto.

– Un giovane, quando è a casa, dovrebbe essere rispettoso dei genitori e, quando è all’estero dovrebbe esserlo dei più anziani.

– Rispetta te stesso e gli altri ti rispetteranno.

– Amare gli altri e avere cura di loro, è agire con umanità. Comprenderli, è agire con virtù.

– Le strade sono state fatte le strade per viaggiare non per arrivare a una destinazione.

– Non ho mai conosciuto un uomo che vedendo i propri errori ne sapesse dar colpa a se stesso.

– Non mettetevi a discutere con un pazzo! Chi vi guarda non distinguerebbe l’uno dall’altro.

– Il maestro disse: il prodigo è arrogante e l’avaro è meschino. È preferibile la meschinità all’arroganza.

– Ho imparato che la calma è molto più destabilizzante della rabbia, che un sorriso disarma molto più di un volto corrugato, ho imparato che il silenzio di fronte ad un’offesa è un grido che fa tremare la terra. Ho imparato che come un amore rifiutato non si perde ma torna intatto a colui che voleva donarlo.

– Quando si è parlato molto, si è detto sempre qualche cosa che sarebbe stato meglio tacere.

– Quello che l’uomo superiore cerca è in se stesso; quello che l’uomo inferiore cerca è negli altri.

– Guardare ai piccoli vantaggi impedisce alle grandi opere di venire realizzate.

– La cosa più difficile di tutte è di trovare un gatto nero in una stanza buia, soprattutto se non c’è il gatto.

– L’amore eterno dura tre mesi.

– La gemma non può essere lucidata senza attrito, né l’uomo può perfezionarsi senza prove.

– Quando hai dei difetti, non aver paura di abbandonarli.

– Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità: non andare fino in fondo, e non iniziare.

– La pazienza è potere: con il tempo e la pazienza, ogni foglia di gelso diventa seta.

– Un leone mi ha cacciato su un albero, e ho molto apprezzato la vista dall’alto.

– La virtù non è fatta per stare da sola. Colui che la pratica avrà dei vicini.

– Abbi la fedeltà e la sincerità come primi princìpi.

– Una voce forte non può competere con una voce chiara, anche se questa non fosse altro che un semplice mormorio.

– L’ignoranza è la notte della mente, ma una notte senza luna né stelle.

– L’uomo superiore è calmo senza essere arrogante; l’uomo dappoco è arrogante senza essere calmo.

– Non si può aprire un libro senza imparare qualcosa.

– L’uomo saggio agisce prima di parlare ed in seguito parla secondo la sua azione.

– In un paese ben governato, la povertà è qualcosa di cui vergognarsi. In un paese mal governato, la ricchezza è qualcosa di cui vergognarsi.

– Se c’è rettitudine di cuore, ci sarà bellezza di carattere. Se c’è bellezza di carattere, ci sarà armonia nella casa.

– Attacca il male che è dentro di te, invece di attaccare il male che è negli altri.

– La lanterna dell’esperienza non illumina che chi la porta.

– Prima di intraprendere la strada della vendetta, scavate due tombe.

– Un padre che non insegna al figlio i suoi doveri è tanto colpevole quanto il figlio che non li segue.

– L’uomo superiore coltiva la virtù, l’uomo inferiore coltiva il benessere materiale. L’uomo superiore coltiva la giustizia, l’uomo inferiore coltiva la speranza di ricevere dei favori.