Alassio: cosa vedere nella città degli innamorati

Cosa vedere ad Alassio, itinerario dei principali monumenti e attrazioni presenti nella città degli innamorati, comprendente la rinomata spiaggia di sabbia, apprezzata per la sua notevole estensione, la Chiesa di Sant’Ambrogio, l’oratorio di Santa Caterina, la Chiesa dei Cappuccini, il muretto degli innamorati e la Chiesa di Santa Croce.

Muretto degli innamorati - Alassio
Muretto degli innamorati - Alassio

Turismo Alassio

Famoso centro balneare, Alassio è una cittadina della riviera ligure di ponente, situata in provincia di Savona e adagiata nell’insenatura compresa tra Capo Santa Croce e Capo Mele, dotata di una spiaggia sabbiosa molto ampia.

Di origine medievale Alassio fu legata in passato ad Albenga, dalla quale ottenne, nel sedicesimo secolo, l’indipendenza.

Tra i monumenti e luoghi d’interesse da vedere, rientra la Chiesa di Sant’Ambrogio, risalente al periodo rinascimentale.

L’edificio di culto si presenta con un bel portale e un campanile risalenti al sedicesimo secolo, mentre la facciata attuale venne realizzata alla fine del diciannovesimo secolo.

All’interno della Chiesa si trovano notevoli dipinti su tela attribuiti a Maestri di scuola ligure e datati tra il sedicesimo e il diciassettesimo secolo.

Di fianco alla Chiesa di Sant’Ambrogio si trova l’Oratorio di Santa Caterina d’Alessandria, risalente al sedicesimo secolo, che conserva al suo interno varie statue di legno, opere realizzate dallo scultore Anton Maria Maragliano.

La costruzione della chiesa di Santa Maria Immacolata, conosciuta anche come Chiesa dei Cappuccini, è legata a un voto fatto dalla popolazione locale alla Madonna in occasione di un’incursione piratesca.

Grazie alla costruzione dell’attiguo convento dei Frati Cappuccini, l’edificio religioso venne ampliato agli inizi del diciassettesimo secolo e successivamente rimaneggiato nel diciottesimo secolo mantenendo il tipico aspetto di chiesa in stile francescano.

All’interno si trova un bell’altare seicentesco in legno intagliato, oltre a un pulpito in ardesia risalente al 1503 e raffigurante la scena della Natività di Gesù, con figure di frati francescani.

In una nicchia della navata destra è custodita una tavola lignea del cinquecento, raffigurante la Madonna del Soccorso realizzata dal pittore Macrino d’Alba.

Nel piazzale davanti alla chiesa si trova la vasca in travertino comprendente la statua in bronzo di San Francesco d’Assisi.

All’angolo tra via Cavour e Corso Dante si trova il celebre muretto decorato con autografi, su ceramica, di alcuni personaggi illustri e comprendente la statua bronzea degli innamorati.

Poco distante dal centro abitato si trova, posta a picco sul mare, la chiesa romanica di Santa Croce, raggiungibile seguendo l’antica strada romana.